icona lo sapevi che

Dizionario tessile

La tua guida alle parole che non conosci

Come funziona questa guida?
L’associazione no-profit Vesti la natura mette a disposizione diverse guide gratuite appositamente create per promuovere, tra consumatori e imprenditori, una forma di moda più etica e sostenibile.

Le ultime parole inserite

Se vuoi contribuire allo sviluppo di questo dizionario:

Indice del dizionario

Dizionario A B C

Dizionario tessile dalla lettera A alla C. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

A

Abrasione del colore: cambiamenti di colore nelle aree localizzate di un indumento a causa dell’usura differenziale, come le ginocchia dei blue jeans. Spesso evidente nelle sfumature a tintura incrociata delle miscele in cui vengono applicati trattamenti di pressatura durevoli. Ulteriori informazioni sull’abrasione del colore

Acetato: una fibra prodotta formata da un composto di cellulosa, raffinato da cascami di cotone e/o la polpa di legno degli alberi di gelso. Questo materiale viene quindi combinato con acido acedico e viene estruso attraverso una filiera e quindi indurito. Ulteriori informazioni sull’acetato

Acid Washed: si intende un prodotto che è stato lavato con acido. L’acid wash è un processo che altera il colore dei tessuti denim indaco trattandoli con sostanze chimiche. Ulteriori informazioni su acid washed

Acrilico: una fibra prodotta derivata dal poliacrilonitrile. Le sue proprietà principali includono una mano morbida, simile alla lana, lavabile in lavatrice e asciugabile, eccellente ritenzione del colore. Le versioni tinte in massa hanno un’eccellente resistenza alla luce solare e alla degradazione del cloro. Ulteriori informazioni sull’acrilico

Alpaca: una fibra naturale a pelo lungo e sottile ottenuta dalla pecora Alpaca, un membro addomesticato della famiglia dei lama. La fibra è più comunemente utilizzata nei tessuti per abiti, cappotti e maglioni.

Anatra (tessuto): il nome anatra (duck) copre una vasta gamma di tessuti realizzati con fili strettamente intrecciati tra loro. Il tessuto è solitamente di cotone ed è ampiamente utilizzato nei pantaloni da uomo e da donna e nei vestiti da gioco per bambini. Ulteriori informazioni sul tessuto anatra

Angora: il pelo della capra d’Angora conosciuta anche come mohair d’Angora. L’angora può anche applicarsi alla pelliccia del coniglio d’angora. Tuttavia, qualsiasi capo di abbigliamento contenente peli di coniglio d’angora deve essere etichettato come “pelo di coniglio d’angora”.

Antivento: la capacità di un tessuto di essere impermeabile al vento e all’aria. Ulteriori informazioni sui tessuti antivento

Antibatterico (o antimicrobico): un tessuto che è stato trattato chimicamente, una fibra creata incorporando l’agente chimico antibatterico nella formula della fibra, rendendola resistente o inibendo la crescita di micro organismi. Ulteriori informazioni sui tessuti antibatterici

Antisfregamento / antiattrito: un tessuto che evita l’irritazione della pelle causata dallo sfregamento ripetitivo a contatto con la pelle di più parti del corpo. Ulteriori informazioni sui tessuti antisfregamento e antiattrito

Antistatico: una fibra o un tessuto che non consente l’accumulo di elettricità statica quando subiscono attrito o sfregamento. Ulteriori informazioni sui tessuti antistatici

Antifungino: inibisce la crescita o uccide i funghi. Ulteriori informazioni sui tessuti antifungini

Antiproiettile: a prova di proiettile, ovvero la capacità di un materiale tessile di impedire ad un proiettile di penetrare nel materiale. Ulteriori informazioni sui materiali antiproiettile

AppleSkin: una similpelle artificiale realizzata utilizzando scarti di bucce e torsoli di mele. Ulteriori informazioni su AppleSkin.

Aramide: una fibra prodotta in cui la sostanza che forma la fibra è una lunga catena di poliammide sintetica in cui almeno l’85% dei legami ammidici sono attaccati direttamente a due anelli aromatici. I tessuti aramidici sono molto resistenti alle alte temperature e alle forze esterne estreme. Ulteriori informazioni sulle fibre aramidiche

Arazzo: un tessuto a coste pesante, spesso fatto a mano, caratterizzato da un disegno elaborato raffigurante un’esposizione pittorica storica o attuale. Il disegno del tessuto a trama è realizzato utilizzando filati colorati, i quali vengono lavorati avanti e indietro su filati di ordito visibili sul retro. Ulteriori informazioni sull’arazzo

Asciugatura rapida: la capacità di un tessuto di asciugarsi rapidamente. Ulteriori informazioni sull’asciugatura rapida

Assorbenza: la capacità di un tessuto di assorbire l’umidità. L’assorbenza è una proprietà molto importante, che influisce su molte altre caratteristiche come il comfort della pelle, la formazione di elettricità statica, il restringimento, la rimozione delle macchie, l’idrorepellenza ed il recupero delle rughe. Ulteriori informazioni sull’assorbenza

B

Battericida: uccide i batteri. Ulteriori informazioni sui tessuti antibatterici

Batteriostatico: non significa necessariamente che uccida i batteri, ma potrebbe semplicemente rallentarnee la crescita mantenendo un equilibrio. Ulteriori informazioni sui tessuti antibatterici

Balistico: un tessuto spesso intrecciato che è estremamente resistente all’abrasione e tenace; ha un denaro di circa 2000 e viene utilizzato in abbigliamento, zaini e attrezzatura. Ulteriori informazioni sul tessuto balistico

Bamboo: un tessuto artificiale ricavato dalla polpa della pianta di bamboo, è considerato sostenibile perché la pianta di bamboo cresce rapidamente e non richiede l’uso di erbicidi e pesticidi per prosperare. Ulteriori informazioni sul bamboo.

Barré: un’imperfezione caratterizzata da una cresta o un segno che corre nelle direzioni trasversali o longitudinali del tessuto. I barrés possono essere causati da variazioni di tensione nel processo di lavorazione a maglia, filati di scarsa qualità, problemi durante il processo di finitura. Ulteriori informazioni sul barré

Base Layer: l’abbigliamento a contatto con la tua pelle. Lo scopo dello strato di base è di mantenerti caldo/fresco e asciutto. Ulteriori informazioni sulla base layer

Batista: un tessuto di media pesantezza ad armatura semplice, solitamente realizzato in cotone o misto cotone. Gli usi finali includono camicette e vestiti. Ulteriori informazioni sul tessuto batista

Battenberg: forma grossolana di pizzo rinascimentale fatto a mano o a macchina da treccia di lino o nastro e filo di lino, assemblati insieme per formare vari disegni. Ulteriori informazioni sul battenberg

Bedford Cord : robusto tessuto a coste con linee in rilievo o corde prodotte da fili di imbottitura in ordito. Può essere lana, seta, cotone, rayon o fibre miste. Il piqué di ordito è un peso più leggero. Prodotto per la prima volta in America a New Bedford, Massachusetts, da cui il nome. Ulteriori informazioni sul bedford cord

Bengalina: un tessuto robusto con superficie in ordito con nervature trasversali pronunciate formate da filati voluminosi, grossolani, piegati o filo di gomma. Originario del Bengala, in India, è utilizzato principalmente in rivestimenti, completi da lutto e copricapo da donna. Quando viene tagliato alla larghezza del nastro, si chiama grosgrain. Ulteriori informazioni sulla bengalina

Bioplastica: materiali artificiali realizzati con materie prime naturali, biodegradabili o compostabili. Ulteriori informazioni sulla bioplastica.

Biomimetismo: la scienza che valuta come le piante e gli animali sopravvivono nei loro habitat naturali e applica un processo simile alla progettazione di abbigliamento funzionale. Ulteriori informazioni sul biomimetismo

Body mapping: il posizionamento strategico dei materiali dei componenti nella progettazione e costruzione degli indumenti per fornire il miglior movimento ed equilibrio possibili per migliorare la resistenza o ridurre l’affaticamento per chi lo indossa. Ulteriori informazioni sul body mapping

Bouclé: tessuto a maglia o tessuto con la caratteristica superficie ad anello o lavorata a maglia che spesso ricorda un effetto spugnoso. Il termine si applica anche a una varietà di filati ad anello, arricciati o fiammati. In francese, bouclé significa “fibbia” o “anello”. Ulteriori informazioni sul bouclé

Broccato: un tessuto di tipo jacquard pesante e squisito con un motivo a rilievo all-over o un disegno floreale. Gli usi finali comuni includono applicazioni formali come tappezzeria, tendaggi e abiti da sera. Ulteriori informazioni sul broccato

Buckram: tessuto in tela di filato a pieghe con una finitura rigida da utilizzare come interlining o interfacciamento di abbigliamento. Utilizzato anche in modisteria perché può essere facilmente modellato inumidendolo. Ulteriori informazioni sul Buckram

C

Canapa: il nome della fibra naturale estratta dall’omonima pianta e con cui è possibile realizzare il tessuto in canapa. Ulteriori informazioni sulla canapa.

Caucciù: una sostanza gommosa (lattice) estratta dalla pianta chiamata Hevea brasiliensis e con cui è possibile creare una gomma naturale e biodegradabile. Ulteriori informazioni sul caucciù.

Calandratura: un processo di passaggio di tessuti tra uno o più rulli (o calandre), solitamente sotto calore e pressione attentamente controllati, per produrre una varietà di effetti superficiali o trame in un tessuto come alta lucentezza, velatura, goffratura e moiré. Ulteriori informazioni sulla calandratura

Calicò: uno dei più antichi tessuti di cotone di base sul mercato che fa risalire la sua origine a Calcutta, in India. Di solito un panno economico semplice, a trama fitta, realizzato in tinta unita su uno sfondo bianco o contrastante. Utilizzato principalmente per grembiuli, vestiti, trapunte, abbigliamento sportivo. Spesso intercambiabile con il percalle, che è un cotone di 80 quadrati. Ulteriori informazioni sul calicò

Candlewick: lenzuolo di mussola non sbiancato, a volte chiamato mussola Kraft, usato come tessuto di base su cui si forma un effetto ciniglia mediante l’applicazione di passanti a stoppino (filati pesanti) che vengono poi tagliati per dare l’effetto sfocato e l’aspetto del filo tagliato del vero filato di ciniglia. Ulteriori informazioni su candlewick

Cardatura: un processo di apertura e pulizia delle fibre tessili, solitamente cotone, che separa le fibre l’una dall’altra, le dispone parallele, le forma in un nastro sottile e quindi le condensa in un unico filo non attorcigliato o fascio di fibre continuo chiamato “nastro”. Ulteriori informazioni sulla cardatura

Cashmere: una fibra di lusso ottenuta dalla capra del Kashmir in Tibet, Mongolia, Cina, Iran, Iraq e India. Più comunemente usato in maglioni, scialli, completi, cappotti e vestiti.

Cellulosa: un polimero di carboidrati naturale bianco che si trova nelle sostanze legnose organiche della maggior parte della vegetazione. È la materia prima di base necessaria per la produzione di fibre di rayon e acetato. Circa il 96% del cotone è cellulosa. Le fibre sintetiche a base di materie prime petrolchimiche come nylon, poliestere, acrilici, ecc sono spesso chiamate “non cellulosiche”. Ulteriori informazioni sulla cellulosa

Ciniglia: un filato caratterizzato da un pelo che sporge su tutti i lati, simile a un bruco. Il filato viene prodotto tessendo prima un tessuto con un ordito di cotone o lino e un’imbottitura di seta, lana o rayon. I fili di ordito sono nastrati in gruppi di fili di riempimento a trama fitta battuti strettamente. Dopo la tessitura, il tessuto viene tagliato a strisce tra i gruppi di filati. Ogni taglio produce un filo di ciniglia continuo, che viene poi ritorto, creando il filo di ciniglia e conferendo al vello l’aspetto su tutti i lati del filo. Il filato di ciniglia viene utilizzato principalmente per tessuti decorativi, ricami, nappe e tappeti. Ulteriori informazioni sulla ciniglia

Challis: uno dei tessuti più morbidi realizzati. Chiamato dal termine indiano americano “shalee”, che significa morbido. Un tessuto leggero e morbido ad armatura semplice con una superficie leggermente spazzolata. Il tessuto è spesso stampato, di solito in un motivo floreale. Challis è più spesso visto in tessuti di cotone, lana o rayon. Ulteriori informazioni sul challis

Chambray: varietà popolare di tessuto di cotone in conteggio relativamente quadrato 80×76 che combina ordito colorato e filati di imbottitura bianchi a trama normale. Nome derivato da Cambrai, Francia, dove è stato realizzato per la prima volta. Ulteriori informazioni sul tessuto chambray

Chantilly: merletto a tombolo con motivi a maglie fini a sei lati con motivo delineato in filo pesante. Ulteriori informazioni sullo chantilly

Chevron: il termine si applica a trame a spina di pesce o stampe a strisce a zig-zag. Ulteriori informazioni su chevron

Chiffon: un tessuto di seta leggero, estremamente trasparente, arioso e morbido, a trama semplice, contenente filati di filamenti altamente ritorti. Il termine “chiffon” implica magrezza, struttura diafana o simile a una garza e morbidezza. Originariamente fatto di seta, oggi può essere trovato in un’ampia varietà di altre fibre. Il tessuto è utilizzato principalmente per realizzare abiti da sera e sciarpe. Ulteriori informazioni sullo chiffon

Chino: classico tessuto “Army twill” interamente in cotone realizzato con filati pettinati a due capi. Solitamente tinto in tino. Tradizionalmente utilizzato per le uniformi dell’esercito, il chino sta ora trovando popolarità nell’abbigliamento sportivo e da lavoro. Ulteriori informazioni sul chino

Chintz: tessuto di cotone ad armatura semplice con ordito fatto di filato fine e un’imbottitura a torsione più grossolana. Spesso stampato con fiori o strisce dai colori vivaci. Diversi tipi di smalti vengono utilizzati nel processo di finitura. Alcuni smalti si sbiadiscono durante il lavaggio, ma altri come le finiture in resina sono permanenti. Il chintz non smaltato si chiama cretonne. Gli usi finali del Chintz includono tendaggi, fodere, gonne e abiti estivi e camicie. Ulteriori informazioni sul Chintz

Comfort (nella moda): il comfort è una sensazione soggettiva di “comodità” relativa a un determinato indumento o accessorio. Ma è comunque possibile misurarlo attraverso la tecnologia. Ulteriori informazioni sul comfort

Collant: i collant sono particolari calze realizzate in nylon, che come guanti, cappelli, sciarpe e foulard, utili a coprire diverse parti del corpo, servono principalmente a proteggere dal freddo la parte bassa dell’addome, le gambe e ovviamente i piedi, anche se le loro finalità di utilizzo possono essere diverse. Ulteriori informazioni sui collant

Cotone: una fibra naturale unicellulare che cresce nel baccello della pianta del cotone. Le fibre sono in genere lunghe da mezzo pollice a 2 pollici. Le fibre in fiocco più lunghe di 1,5 pollici, comprese le varietà Pima ed egiziana, producono tessuti di cotone della massima qualità.

Cotone biologico (o organico): cotone coltivato senza pesticidi da piante non geneticamente modificate utilizzando la rotazione delle colture e il controllo biologico dei parassiti invece di pesticidi e fertilizzanti artificiali. Ulteriori informazioni sul cotone biologico.

Cotone pettinato: il cotone pettinato è una versione estremamente morbida del cotone realizzata utilizzando un processo di produzione in base al quale le fibre di cotone vengono sottoposte a un trattamento speciale prima di essere filate in filato. Il cotone pettinato è più morbido e resistente del cotone convenzionale perché le fibre più corte e fragili vengono rimosse durante il processo di pettinatura. Inoltre, le fibre stirate sono più ravvicinate dopo la pettinatura, rendendo meno probabile che il tessuto di cotone pettinato si sfilacci. Di conseguenza, i prodotti in cotone pettinato sono anche leggermente più costosi dei tradizionali prodotti in cotone. Ulteriori informazioni sul cotone pettinato

Comfort Stretch: il termine dato alla libertà di movimento sperimentata nell’indossare un indumento, o l’elasticità ingegnerizzata in un filato attraverso una costruzione elastica meccanica. Ulteriori informazioni sul comfort stretch

Coloranti naturali: coloranti a base di minerali, materie prime vegetali o di origine animale. I tipi più comuni includono Indigo, Cochineal, Lac, Logwood, Madder, Munjeet, Catechu, Brazilwood, Osage Orange, Fustic, Weld, Tannin e Quercitron. Ulteriori informazioni sui coloranti naturali

Coloranti vegetali: coloranti derivati da insetti o dalla terra, inclusi coloranti a base di piante e corteccia, che includono radice di robbia, indaco, euforbia, melograno, Osage, cutch e cocciniglia. Questi includono anche coloranti naturali prodotti da bacche, radici e corteccia. Non sono resistenti al colore come i coloranti al cromo e producono sfumature insolite di blu, verde e altri colori. Non contengono sostanze chimiche sintetiche e, a causa dei loro ingredienti naturali, tendono a sbiadire più velocemente dei coloranti al cromo. Ulteriori informazioni sui coloranti vegetali

Coloranti minerali: un colorante naturale a base di minerali, tra cui ocra, calcare, manganese, cinabro, azzurrite e malachite. Ulteriori informazioni sui coloranti minerali

Coloranti sintetici: sono composti chimici creati artificialmente per conferire colore a vari materiali, inclusi tessuti, alimenti, cosmetici e plastica. Grazie alla possibilità di sintetizzare molecole specifiche, i coloranti sintetici offrono una maggiore consistenza e prevedibilità nelle applicazioni industriali, mantenendo colori vividi e duraturi nel tempo. Ulteriori informazioni sui coloranti sintetici

Compression Stretch: il nome dato all’ampio allungamento delle fibre. Ulteriori informazioni sul compression stretch

Core Yarn (o filato centrale): un filato in cui un tipo di fibra è attorcigliato o avvolto attorno a un’altra fibra che funge da nucleo. I filati di base vengono spesso utilizzati per realizzare tessuti elastici in cui l’anima è spandex o gomma e la fibra avvolta esterna è una fibra lavorata testurizzata come poliestere o nylon. Ulteriori informazioni sul core yarn

Crêpe: una varietà di tessuti leggeri caratterizzati da una superficie increspata, ottenuta tramite l’uso di filati a torsione dura, trattamenti chimici, tessitura, costruzione o qualche forma di goffratura o trattamento superficiale. Oggi disponibili in una varietà illimitata di fibre e miscele. Ulteriori informazioni sul crêpe

Crocking: lo sfregamento della tintura da un tessuto. Il crocking può essere il risultato della mancanza di penetrazione dell’agente di tintura, dell’uso di coloranti o procedure di tintura errate o della mancanza di procedure di lavaggio e trattamenti di finitura adeguati dopo il processo di tintura. Ulteriori informazioni sul crocking

Cruelty Free: equivale ad affermare che un prodotto e i suoi ingredienti non sono di origine animale, ne sono stati testati sugli animali. Ulteriori informazioni sulla moda cruelty free

Cuciture ergonomiche: questa tecnologia di costruzione dell’abbigliamento mira a massimizzare il comfort e la facilità di movimento. La caratteristica fondamentale di questa tecnologia di cucitura è che le cuciture sono realizzate in modo ergonomico. Pertanto, le cuciture scorrono in base ai movimenti naturali del corpo, indipendentemente dal tipo di attività svolta da chi le indossa. Le cuciture sono posizionate lontano da potenziali punti di pressione, al fine di massimizzare comfort e movimento. Ulteriori informazioni sulle cuciture ergonomiche

Dizionario D E F

Dizionario tessile dalla lettera D alla F. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

D

Damasco: un tessuto jacquard lucido, solitamente realizzato in lino, cotone, rayon, seta o miscele. I modelli sono piatti e reversibili. Il tessuto è spesso utilizzato in tovaglioli, tovaglie, tendaggi e tappezzeria. Ulteriori informazioni sul damasco

DENIER (DEN o DENARI): un sistema per misurare il peso di una fibra a filamento continuo. Più basso è il numero, più fine è la fibra; maggiore è il numero, più pesante è la fibra. Numericamente, un denaro è l’equivalente del peso in grammi di 9.000 metri di fibra a filamento continuo. Ulteriori informazioni sui denier

Denim: un solido tessuto a trama saia 2×1 o 3×1 spesso con una sfumatura biancastra ottenuta utilizzando filati di riempimento bianchi con filati di ordito colorati. Denim più pesanti, solitamente blu, sono usati per salopette, abiti da lavoro e abbigliamento sportivo da uomo e da donna. I denim più leggeri hanno una finitura più morbida e sono disponibili in una varietà di colori e modelli per l’abbigliamento casual. Ulteriori informazioni sul denim

Degradazione UV: la rottura di fibre o tessuti se esposti ai raggi ultravioletti.

Dobby: un intreccio decorativo, caratterizzato da piccole figure, solitamente geometriche, che si intrecciano nella struttura del tessuto. I dobby possono essere di qualsiasi peso o compattezza, con filati che vanno da molto fini a grossolani e soffici. I tessuti dobby standard sono generalmente piatti e relativamente fini o trasparenti. Tuttavia, alcuni tessuti dobby pesanti sono disponibili per l’arredamento della casa e per l’abbigliamento pesante. Ulteriori informazioni sul dobby

Donegal Tweed: un tessuto da medio a pesante, ad armatura semplice o saia in cui vengono intrecciati filati colorati. Gli usi finali includono cappotti e abiti invernali. Ulteriori informazioni sul donegal tweed

Doppio tessuto: due tessuti vengono tessuti contemporaneamente sul telaio, uno sopra l’altro. Nel processo di tessitura, i due strati di tessuto vengono tenuti insieme utilizzando fili leganti. I motivi intrecciati in ogni strato di tessuto possono essere simili o completamente diversi. Ulteriori informazioni sul doppio tessuto

Doppia maglia: un tessuto lavorato a maglia su una macchina per maglieria circolare utilizzando anelli ad incastro e un doppio punto su un telaio a doppio ago per formare un tessuto con doppio spessore. Ulteriori informazioni sulla doppia maglia

Doppia trama: una struttura in tessuto intrecciata realizzata intrecciando due o più serie di fili di ordito con due o più serie di fili di riempimento. I tessuti a doppia armatura più comuni sono realizzati utilizzando un totale di quattro o cinque serie di filati. Ulteriori informazioni sulla doppia trama

Drappeggiabile: la capacità di un tessuto di appendere morbidamente in pieghe flessibili sciolte. Ulteriori informazioni sulla drappeggiabilità

Durable Water Repellent (DWR): trattamento chimico applicato ai tessuti per far si che questi mantengano la loro capacità di respingere l’acqua anche in condizioni di pioggia estrema. Ulteriori informazioni sul DWR 

E

Econyl: un nylon sintetico realizzato con reti da pesca recuperate negli oceani, residui plastici industriali e tappeti dismessi. Ulteriori informazioni su Econyl.

Elasticità: la capacità di una fibra o di un tessuto di tornare alla lunghezza, forma o dimensione originali dopo un’estensione. Ulteriori informazioni sull’elasticità

Ergonomia: lo studio per migliorare il design di un indumento migliorando il comfort, le prestazioni o la salute di chi lo indossa.

F

Faille: un tessuto simile alla seta lucido, morbido, a coste fini, realizzato in cotone, seta o fibre artificiali lavorate.

Fast Fashion: abbigliamento alla moda progettato e prodotto in modo rapido ed economico per guidare e soddisfare gli acquisti dei consumatori. Il fast fashion si traduce in sovrapproduzione e scarti stimati in milioni di tonnellate di tessuto e indumenti all’anno. Ulteriori informazioni sulla Fast Fashion

Feltro: dalla parola anglosassone che significa filtrare, il panno è un materiale di lana opaco e compatto, di cui il melton potrebbe essere citato come esempio. Un tessuto non tessuto in lana, capelli o pelliccia, e talvolta in combinazione con alcune fibre lavorate, in cui le fibre sono lavorate insieme in un processo che utilizza calore, umidità e pressione per formare un materiale compatto.

Fibre naturali: vengono estratte esclusivamente da materie prime naturali come le piante, oppure prelevate da animali. Ulteriori informazioni sulle fibre naturali.

Fibre artificiali: sono realizzate in laboratorio utilizzando una materia prima naturale (cellulosa) miscelata a sostanze chimiche sintetiche. Ulteriori informazioni sulle fibre artificiali.

Fibre sintetiche: realizzate in laboratorio dall’uomo, utilizzano solo sostanze chimiche sintetiche in particolar modo derivate dal petrolio. Ulteriori informazioni sulle fibre sintetiche.

Fibre animali: il termine usato per distinguere le fibre naturali ottenute da animali. Include alpaca, angora, pelo di capra, pelo di cammello, cashmere, pelo di mucca, pelliccia, guanaco, pelo di maiale, huarizo, lama, mohair, pelo di coniglio.

Fibra: l’entità di base, naturale o lavorata, che viene intrecciata in filati e quindi utilizzata nella produzione di un tessuto.

Fibre idrofile: fibre che assorbono facilmente l’acqua, impiegano più tempo ad asciugarsi e richiedono più stiratura. Queste fibre denotano una finitura che migliora il comfort.

Fibre idrofobiche: fibre che non hanno la capacità di assorbire l’acqua. Queste fibre denotano una finitura normalmente applicata per creare prodotti idrorepellenti.

Fibre a filamento cavo: fibre a filamento continuo che hanno un vuoto centrale creato attraverso l’introduzione di aria o altro gas nella soluzione polimerica, o mediante filatura a fusione attraverso filiere appositamente progettate.

Fibra di vetro: una fibra inorganica molto resistente, ma con scarsa flessibilità e scarsa resistenza all’abrasione. Il vetro non brucia e non conduce elettricità. È impermeabile agli insetti, alla muffa e alla luce solare. Oggi, l’uso principale della fibra di vetro è in applicazioni industriali come l’isolamento o il rinforzo di strutture composite.

Fibre in fiocco: fibre corte, tipicamente lunghe da mezzo pollice fino a 18 pollici. Lana, cotone e lino esistono solo come fibre in fiocco. Le fibre in fiocco prodotte vengono tagliate a una lunghezza specifica dalla fibra a filamento continuo. Di solito la fibra in fiocco viene tagliata in lunghezze che vanno da 2 pollici a 8 pollici di lunghezza. Un gruppo di fibre in fiocco viene attorcigliato insieme per formare un filato, che viene quindi tessuto o lavorato a maglia.

Filato: un filato è ottenuto prendendo un gruppo di fibre in fiocco corte, che sono state tagliate dai filamenti più lunghi, torcendo queste fibre insieme per formare un unico filato, che viene quindi utilizzato per la tessitura o la lavorazione a maglia di tessuti.

Filamento: una fibra prodotta di lunghezza indefinita (continua), estrusa dalla filiera durante il processo di produzione della fibra.

Filatura: questa operazione finale nella produzione di un filato naturale, consiste nella trafilatura, torsione e avvolgimento del filo appena filato su un dispositivo come una bobina, fuso, spola, tubo. Il processo di filatura è l’estrusione di una soluzione di filatura in un bagno di coagulazione, una camera d’aria riscaldata o un’area di raffreddamento per formare un filamento continuo.

Filatura ad anello: un sistema di filatura, che utilizza un filatoio ad anello che stira lo stoppino, torce il filo e lo avvolge sulla bobina in modo continuo e simultaneo in un’unica operazione.

Filato: un filo continuo di fibre tessili creato quando un gruppo di singole fibre vengono attorcigliate.

Filato intrecciato: un filo ricoperto da un altro filo.

Filati testurizzati: creare arricciature, cappi e modificare il filato allo scopo di aumentare la copertura, la resistenza all’abrasione, l’isolamento, la resistenza al calore o l’assorbimento dell’umidità e per fornire una diversa tessitura superficiale. La maggior parte dei filamenti di poliestere odierni è testurizzata.

Filati elasticizzati: filati sintetici a filamento continuo che sono stati alterati attraverso trattamenti speciali o modifiche per conferire loro elasticità. Le tecniche includono torcere e srotolare, uso di getti d’aria, contenitori di riempimento, lame di coltello, piegatura, regolazione del calore, arricciatura, cottura a vapore o looping. L’uso di questi filati conferisce ai tessuti elasticità e comfort.

Filati Core-Spun: sono costituiti da un filato di base, con un involucro esterno di fibra sciolta non ritorta in filato. Il filamento di poliestere è spesso avvolto con uno strato esterno di cotone per fornire la resistenza e la resilienza del poliestere. Filo da cucito, tessuti per la casa e abbigliamento sono realizzati con questi filati.

Filamento continuo: un lungo filo continuo e ininterrotto di fibra estruso da una filiera sotto forma di un monofilamento. La maggior parte delle fibre prodotte come nylon, poliestere, rayon e acetato sono realizzate in forma di filamento continuo.

Finitura: tutti i processi attraverso i quali un tessuto passa dalla produzione alla preparazione per il mercato. Questi includono candeggio, tintura, stampa, termofissaggio, ecc.

Finitura termofissata (termosaldatura): un processo di termofinitura che stabilizzerà molti tessuti in fibra in modo che non ci sarà alcun cambiamento successivo di forma o dimensione. L’impostazione del calore viene utilizzata per conferire in modo permanente una piega, una finitura che rimarrà anche dopo ripetuti lavaggi.

Fiberfill: fibre appositamente progettate utilizzate come materiale di riempimento in cuscini, materassi, imbottiture per materassi, sacchi a pelo, trapunte e indumenti da esterno.

Flame Resistant: tessuti trattati con speciali agenti chimici o finiture per renderli resistenti alla combustione. Oggi molti tessuti ottengono questa proprietà utilizzando fibre che hanno questa proprietà incorporata direttamente nel polimero. Un tessuto è considerato resistente alla fiamma se supera test specifici.

Flanella: un tessuto di media pesantezza, a trama normale o saia, tipicamente realizzato in cotone, misto cotone o lana. Il tessuto ha una mano molto morbida, spazzolata su entrambi i lati per sollevare le estremità della fibra dal tessuto di base e creare una superficie morbida e sfocata. Gli usi finali includono camicie, pigiami coperte e lenzuola.

Floccaggio: un tipo di decorazione in rilievo applicata alla superficie di un tessuto in cui un adesivo viene stampato sul tessuto. Le fibre tritate finemente vengono applicate mediante spolvero, aerosol o cariche elettrostatiche. Le fibre aderiscono solo alle zone dove è stato applicato l’adesivo e le fibre in eccesso vengono rimosse con mezzi meccanici.

Foulard: un tessuto leggero a trama saia, realizzato con filati a filamento come seta, acetato, poliestere, con un piccolo motivo stampato all-over su uno sfondo a tinta unita. Il tessuto è spesso utilizzato nelle cravatte da uomo.

Forno: camera di riscaldamento chiusa utilizzata dai produttori di abbigliamento allo scopo di applicare calore a un indumento per fissare, o polimerizzare (cuocere), una finitura a pressione durevole nel tempo.

Fodera: un tessuto che viene utilizzato per coprire l’interno di un indumento per fornire un aspetto finito. Generalmente, il rivestimento è costituito da un tessuto lucido e liscio.

Fruitleather: una similpelle artificiale realizzata utilizzando il frutto del mango. Ulteriori informazioni su Fruitleather.

Ftalati: queste sostanze chimiche sono sali o esteri dell’acido ftalico. Gli esteri sono comunemente usati come plastificanti per ammorbidire il cloruro di polivinile (PVC) e aumentare la flessibilità, la trasparenza, la durata e la longevità dei prodotti in plastica. Tuttavia, se ingeriti, i ftalati possono causare danni ai reni e al fegato. A causa di questi problemi di salute vengono ora eliminati da molti prodotti negli Stati Uniti, in Canada e nell’Unione europea.

Fungicida: uccide i funghi.

Dizionario G H I J K

Dizionario tessile dalla lettera G alla K. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

G

Galles: in un tessuto a maglia, la serie di anelli che sono formati da un unico ago, che scorre verticalmente o longitudinalmente in un tessuto a maglia.

Gabardine: tessuto a trama fitta, twill, pettinato con una leggera linea diagonale sul lato destro. La gabardina di lana è nota come tessuto per abiti da lavoro. Anche il poliestere, il cotone, il rayon e varie miscele vengono utilizzati nella produzione di gabardine.

Garza: un tessuto sottile e trasparente a trama normale in cotone, lana, seta, rayon o altre fibre lavorate. Gli usi finali includono tende, abbigliamento, guarnizioni e medicazioni chirurgiche. Ulteriori informazioni sulla garza

Georgette: un tessuto leggero e trasparente, spesso realizzato in seta o con fibre lavorate come il poliestere, con una superficie in crêpe, in cui i filati sono attorcigliati in entrambe le direzioni nella trama. Gli usi finali includono abiti e camicette.

Geotessili: materiali in fibra fabbricati in una varietà di strutture in tessuto e utilizzati in una varietà di applicazioni di ingegneria civile.

Goffratura: un processo di calandratura, in cui i tessuti vengono incisi con l’uso di rulli riscaldati sotto pressione, per produrre un disegno in rilievo sulla superficie del tessuto.

Greige Goods: un tessuto non finito, appena rimosso da una macchina per maglieria o da un telaio, che non ha ricevuto operazioni di finitura a secco o a umido.

Guscio saldato: lo strato esterno di un indumento saldato in opera, come una giacca.

H

Hard Shell: un tessuto esterno resistente all’abrasione che fornisce protezione dall’ambiente.

Heather: un filato che viene filato utilizzando fibre pre-tinte. Queste fibre vengono mescolate insieme per dare un aspetto particolare. Ad esempio, il bianco e il nero possono essere mescolati insieme per creare un filato melange grigio. Il termine heather può anche essere usato per descrivere il tessuto realizzato con filati melange.

Heather Misto o Blend: combinazioni di colori, tinti in massa per fornire un tipo di filato screziato o melange in lana come filato tweed, cheviot, shetland, ecc.

Herringbone (Herringbone Twill): una variazione della costruzione dell’armatura in twill in cui il twill viene invertito, o spezzato, a intervalli regolari, producendo un effetto a zig-zag.

High Loft: termine dato a una struttura in fibra che contiene più aria delle fibre. È un materiale alto, a bassa densità che viene utilizzato in applicazioni come fibre di riempimento, isolamento, ecc.

Houndstooth Check: una variazione della costruzione a trama in twill in cui un effetto a quadri spezzato è prodotto da una variazione nel modello di fili intrecciati, utilizzando almeno due diversi fili colorati. Questo motivo a quadri viene spesso utilizzato in articoli di abbigliamento pettinato, di lana, ecc.

I

Idrorepellente: tessuti che sono stati trattati con una finitura che fa sì che perdano acqua e resistano alla penetrazione dell’acqua, ma sono ancora permeabili all’aria. I trattamenti possono includere rivestimenti in cera, resine, siliconi e derivati del fluoro. Tali trattamenti non chiudono il tessuto, mentre le finiture impermeabili sì.

Imbottitura: in un tessuto intrecciato, il filo va dalla cimosa alla cimosa ad angolo retto rispetto all’ordito. Ogni lunghezza trasversale è chiamata plettro. Nel processo di tessitura, il filo di riempimento viene portato dalla navetta o da un altro tipo di portafili.

Impermeabile: un termine applicato ai tessuti i cui pori sono stati chiusi e, pertanto, non consentono il passaggio di acqua o aria.

Impermeabile e traspirante (WP / BR): questo tessuto speciale resiste al passaggio di liquidi attraverso il tessuto, ma consente il passaggio del vapore acqueo, in modo che sia comodo quando trasformato in un indumento.

Incapsulamento: processo in cui le fibre di un tessuto vengono rivestite con una sostanza filmosa per creare determinate qualità ad alte prestazioni, come la traspirabilità.

Indigo: una tintura con un caratteristico colore blu. Il composto chimico che costituisce il colorante indaco è chiamato indigotina. Storicamente, l’indaco ha svolto un ruolo importante nelle economie di molti paesi perché i coloranti blu naturali sono rari. Tra gli altri usi, viene utilizzato nella produzione di tessuti denim per blue jeans.

Interfacce: tessuti utilizzati per sostenere, rinforzare e dare forma ai tessuti nei prodotti cuciti. Spesso posto tra la fodera e il tessuto esterno, può essere realizzato con filati o direttamente con fibre e può essere tessuto, non tessuto o lavorato a maglia. Alcune interfacce sono progettate per essere fuse (aderite al calore di un ferro da stiro), mentre altre sono pensate per essere cucite al tessuto.

Interlining: 1. Tessuto isolante, imbottito o irrigidito, cucito sul rovescio della fodera o sul lato interno del tessuto esterno per maggiore peso e calore. L’interfodera viene utilizzata principalmente per fornire calore a cappotti, giacche e capispalla. 2. Tela di lino rigida per cappotti da uomo.

Interlock: un tipo speciale di tessuto a maglia a otto serrature. La variazione del punto a coste, che generalmente assomiglia a un doppio tessuto a coste 1 x 1 che è intrecciato con galles a platine incrociate. I tessuti a punto interlock normale (doppia maglia) sono più spessi, più pesanti e più stabili rispetto alle costruzioni a maglia singola. Il tessuto ha una superficie liscia su entrambi i lati e possiede buone qualità di vestibilità.

Isolamento riflettente: tutti i materiali emettono energia per radiazione termica a causa della loro temperatura. La quantità di energia o calore radiante riflessa, dipende dalla temperatura superficiale. Maggiore è la temperatura della superficie, maggiore sarà la riflessione. La tecnologia di isolamento riflettente è stata utilizzata dalla NASA sin dai primi satelliti e continua ad essere utilizzata oggi come isolamento della tuta spaziale per proteggere ogni astronauta nello spazio dalle temperature estreme. La tecnologia è efficace a temperature da -273° a 120°.

Isolamento: un materiale che protegge dalla perdita di calore o dalla penetrazione del freddo.

Isolamento termico: la capacità di un tessuto di trattenere il calore.

J

Jacquard: tessuti realizzati utilizzando l’accessorio Jacquard sul telaio. Questo accessorio fornisce una versatilità intricata nei disegni e consente il controllo individuale di ciascuno dei fili di ordito. Pertanto, è possibile realizzare tessuti di quasi qualsiasi tipo o complessità. Broccato e damasco sono tipi di tessuti jacquard.

Jacquard Knit: un tessuto a trama doppia in cui viene utilizzato un tipo di meccanismo Jacquard. Questo dispositivo controlla individualmente aghi o piccoli gruppi di aghi e consente di creare maglie molto complesse.

Jersey: l’intreccio costante dei filati nel punto jersey produce un tessuto con una faccia liscia e piatta e una parte posteriore più strutturata ma uniforme. I tessuti in jersey possono essere prodotti su macchine per maglieria a trama circolare o piana.

Juta: estratta dall’omonima pianta proveniente principalmente dall’India, questa fibra viene utilizzata per realizzare i famosi sacchi di caffé, borse, corde e fili per legature in tappeti e moquette. Ulteriori informazioni sulla juta

K

Kapok: una fibra vegetale corta, leggera, simile al cotone, che si trova nei baccelli dell’albero Bombocaceae. A causa della sua fragilità, generalmente non viene filato. Tuttavia, la sua galleggiabilità e resistenza all’umidità lo rendono ideale per l’uso in cuscini, materassi e giubbotti di salvataggio.

Knit-de-knit: un tipo di testurizzazione del filato in cui un filo arricciato viene realizzato lavorando a maglia il filo in un tessuto, quindi termofissando il tessuto. Il filo viene quindi districato dal tessuto e utilizzato in questa forma increspata in modo permanente.

Knitting (Raschel): una maglia in ordito versatile realizzata con motivi semplici e jacquard; i tessuti sono più ruvidi di altre maglie in ordito. Le macchine per maglieria Raschel dispongono di una o due serie di ferri da stiro e fino a trenta serie di guide che consentono loro di creare un’ampia gamma di tessuti.

Dizionario L M N

Dizionario tessile dalla lettera L alla N. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

L

Lana: solitamente associata a fibra o tessuto ricavato dal vello di pecora o agnello. Tuttavia, il termine “lana” può essere applicato anche a tutte le fibre di peli di animali, compresi i peli della capra cashmere o angora o le fibre di pelo di cammello, alpaca, lama o vigogna.

Lana biologica: una forma di lana prelevata esclusivamente da allevamenti biologici. Ulteriori informazioni sulla lana biologica

Lavoro a maglia: l’arte e la scienza di costruire un tessuto intrecciando anelli di filato, attraverso l’uso di aghi e un “anello all’interno di un anello”. L’unità più essenziale in un tessuto a maglia è il cappio o il punto. Una fila verticale di punti è chiamata WALE; la fila di punti orizzontale o trasversale è conosciuta come CORSO. Il numero di fili per pollice, misurato sul tessuto, dipende dal numero o dalla dimensione del filato utilizzato e dal numero di aghi per pollice nella macchina. Le due principali classi di lavorazione a maglia sono l’ordito e la trama.

Lana vergine: lana nuova che non è mai stata utilizzata prima o recuperata da prodotti filati, tessuti, lavorati a maglia, infeltriti, fabbricati o utilizzati.

Lana clorurata: lana sotto forma di fibra, filato o tessuto che viene trattata chimicamente per ridurre il restringimento dell’infeltrimento e aumentare la capacità di assorbire i coloranti.

Lamb’s Wool: la prima clip di lana velata da agnelli fino a otto mesi. La lana è morbida, scivolosa e resistente. Viene utilizzato in tessuti di lana di alta qualità.

Lamé: un tessuto intrecciato che utilizza fili di metallo piatto, argento o dorato, per creare il disegno o lo sfondo nel tessuto.

Leight Weight: avere una trama ariosa. Utilizzato come intimo leggero in abbigliamento per attività aerobiche e clima fresco.

Leno Weave (Doup): una costruzione di tessuti intrecciati in cui il tessuto risultante è molto trasparente, ma resistente. In questa armatura, due o più fili di ordito vengono attorcigliati l’uno sull’altro mentre vengono intrecciati con i fili di riempimento; assicurando così una presa salda al filo di riempimento e impedendo loro di scivolare fuori posizione. I filati lavorano in coppia; uno è il filo di ordito standard, l’altro è il filato scheletro o doup.

Lino: la pianta da cui si ottiene la fibra di lino cellulosica. E’ possibile realizzare abbigliamento, accessori, tendaggi, tappezzeria, tovaglie e asciugamani. Un tessuto realizzato con fibre di lino ottenute dall’interno del fusto legnoso della pianta del lino. La lunghezza della fibra varia da pochi pollici a un metro, senza sfocature, non si sporca rapidamente e ha una lucentezza e rigidità naturali. Le fibre di lino sono molto più forti e più lucenti del cotone. I tessuti di lino sono molto freschi e assorbenti, ma raggrinziscono molto facilmente, a meno che non siano mescolati con fibre lavorate. Il lino è una delle fibre tessili più antiche. Ulteriori informazioni sul lino

Ligneah: una similpelle artificiale realizzata utilizzando fogli di legno. Ulteriori informazioni su Ligneah.

Loom: una macchina utilizzata per tessere tessuti.

Lunghezza vita posteriore: la dimensione su un corpo, presa dalla parte superiore della spina dorsale alla base del collo fino al punto vita.

Lyocell: questa fibra prodotta dalla cellulosa della polpa di legno di alberi di legno duro come l’eucalipto è tipicamente classificata come fibra cugina del rayon. Lyocell condivide molte proprietà con altre fibre cellulosiche come cotone, lino, ramia e rayon. E’ morbida, assorbente, molto forte e resistente alle rughe; può essere lavata in lavatrice, a mano o a secco, si drappeggia bene e può essere tinta in molti colori, oltre a simulare una varietà di trame come pelle scamosciata, pelle o seta. Ulteriori informazioni sul lyocell.

M

Maglia a catena: un tipo di struttura in tessuto a maglia in cui i fili vengono formati in punti in modo longitudinale. Esistono due tipi di base: maglie in trama e maglie in ordito. Le maglie in ordito sono lavorate a maglia con anelli intrecciati disposti in una direzione longitudinale, mentre le maglie in trama hanno i loro anelli intrecciati in direzione della larghezza o della trama. Le maglie in ordito sono generalmente meno elastiche delle maglie in trama. Esempi comuni di maglie in ordito sono le maglie tricot e le maglie Raschel.

Maglia (circolare): un processo di lavorazione a maglia in trama in cui il tessuto è un tubo, con i fili che corrono continuamente attorno al tessuto. I tessuti a maglia doppia vengono prodotti su una macchina circolare per maglieria dotata di due serie di aghi a scatto posti ad angolo retto tra loro.

Maglia (piatta o singola): un processo di lavorazione a maglia in cui il tessuto è in forma piatta. I fili corrono avanti e indietro sul tessuto. La forma può essere aggiunta nel processo di lavorazione aumentando o diminuendo i passanti o i punti. I capi di abbigliamento completo sono realizzati su una macchina per maglieria.

Maglia (ordito): un tipo di lavorazione a maglia in cui i fili generalmente corrono longitudinalmente nel tessuto. I filati vengono preparati come orditi su travi. Esempi di questo tipo di lavoro a maglia includono il tricot, il Milanese e il Raschel.

Malai: una similpelle artificiale realizzata utilizzando l’acqua del frutto di cocco. Ulteriori informazioni su Malai.

Maglia (trama): un tipo di lavorazione a maglia, in cui un filo continuo scorre trasversalmente nel tessuto creando tutti gli anelli in un unico percorso. I tipi di maglieria in trama sono circolari e piatti.

Mano del tessuto: è il termine con cui si valutano alcune caratteristiche del tessuto o del filato (sofficità, rigidità, morbidezza, volume) utilizzando il semplice tatto della mano. Ulteriori informazioni sulla mano del tessuto

Materiali a cambiamento di fase: un composto idrofilo applicato a una fibra o tessuto che si traduce in una traspirabilità superiore e un sistema di gestione dell’umidità all’interno del tessuto che aiuta a mantenere una temperatura corporea confortevole quando l’indumento viene indossato.

Marchio di canna: un difetto del tessuto identificato come un segno o una sbarra o una spaziatura irregolare tra i gruppi di fili lungo la larghezza del tessuto. Questo disturbo è causato da canne difettose o danneggiate o da una regolazione errata del telaio o dei fili nella struttura di un tessuto quando il tessuto viene fabbricato.

Madras: uno dei prodotti più antichi nel commercio è un tessuto di cotone leggero ad armatura semplice con motivo a righe o a quadri. Questo tipo di tessuto viene solitamente importato dall’India. Gli usi finali sono camicie e abiti da uomo e da donna.

Matelassé: un tessuto di lusso da medio a pesante realizzato con una struttura a doppio tessuto per creare una superficie imbottita o trapuntata. Gli usi finali comuni sono tappezzeria, tendaggi e abiti da sera.

Melton: un panno pesante, duro e semplice, utilizzato per soprabiti, tessuti per uniformi, abiti da caccia.

Mercerizzazione: processo di trattamento di un filo o tessuto di cotone, in cui il tessuto o il filo viene immerso in una soluzione di soda caustica e successivamente neutralizzato in acido. Il processo causa un rigonfiamento permanente della fibra, con conseguente maggiore lucentezza sulla superficie del tessuto, maggiore affinità per i coloranti e maggiore resistenza.

Merino: un tipo di lana che proviene da pecore Merino di razza pura. La migliore lana Merino è Italiana.

Merletto: tessuto leggero che si ottiene (a mano o a macchina) intrecciando fili di ogni tipo. Viene usato soprattutto per confezionare o guarnire capi di biancheria femminile o da casa.

Mesh: un tipo di tessuto caratterizzato dal suo aspetto aperto simile a una rete e dagli spazi tra i fili. La rete è disponibile in una varietà di costruzioni tra cui tessuti, maglieria, pizzi o tessuti all’uncinetto.

Miscela di tessuti: combinazione di due o più tipi di fibre in fiocco in un filato per ottenere miscele di colori, variazioni di tintura, migliori caratteristiche di prestazione. Le miscele di fibre naturali e artificiali sono oggi più importanti che mai e il loro numero è praticamente illimitato.

Micro-incapsulamento: un metodo per racchiudere materiali additivi polimerici in capsule microscopiche, che possono quindi essere rilasciate in determinate condizioni per migliorare le prestazioni.

Microfibre: le fibre realizzate utilizzando la tecnologia delle microfibre producono fibre che pesano meno di 1,0 denari. I tessuti realizzati con queste fibre extrafini offrono un drappeggio delicato e un’incredibile morbidezza. In confronto, le microfibre sono due volte più fini della seta, tre volte più fini del cotone, otto volte più fini della lana e cento volte più sottili di un capello umano. Attualmente vengono prodotti quattro tipi di microfibre. Questi includono microfibre acriliche, microfibre di nylon, microfibre di poliestere e microfibre di rayon.

Micropile: un tessuto morbido con una sensazione vellutata.

Microporoso: un rivestimento su un tessuto che respira attraverso i pori microscopici.

Moda sostenibile: la moda sostenibile, chiamata anche moda ecologica ed etica, prevede la progettazione e la produzione di abbigliamento, complementi d’arredo e altri prodotti tessili in modo sostenibile, che tenga conto di eventuali impatti ambientali e socio-economici.

Modal: questa fibra prodotta dalla cellulosa della polpa di legno di alberi di legno duro come il faggio, è tipicamente classificata come fibra cugina del rayon. Ulteriori informazioni sul modal.

Modacrilica: una fibra prodotta simile all’acrilico nelle caratteristiche e negli usi finali. I modacrilici hanno una maggiore resistenza agli agenti chimici e alla combustione rispetto all’acrilico, ma hanno anche una temperatura di stiratura più bassa e un peso specifico maggiore rispetto all’acrilico.

Mohair: le fibre dei capelli lunghi, lucenti e forti della capra d’angora. Gli usi finali includono maglioni, cappotti, abiti e sciarpe.

Moiré: un tessuto con cordoncino, solitamente realizzato in seta o una delle fibre lavorate, che ha un caratteristico motivo ondulato dove si osservano effetti di contrasto luminosi e scuri.

Monk’s Cloth: un tessuto di cotone pesante che utilizza la variazione dell’armatura a canestro della trama normale. Utilizzato per tendaggi e fodere, il panno del monaco è un esempio di intreccio di cesti 4×4. Ha una scarsa stabilità dimensionale e tende a impigliarsi.

Monofilamento: un singolo filamento di una fibra prodotta, solitamente realizzato in un denaro superiore a 14. I monofilamenti vengono solitamente filati singolarmente, piuttosto che estrusi come un gruppo di filamenti attraverso una filiera e filati in un filato. Gli usi finali includono calzetteria e filo da cucito.

Muskin: una similpelle artificiale realizzata utilizzando del funghi. Ulteriori informazioni su Muskin.

Mussola: un tessuto per lenzuola in cotone poco costoso, di peso medio, ad armatura semplice, a basso numero di fili (meno di 160 fili per pollice quadrato). Nella sua forma non finita, è comunemente usato nel design della moda per realizzare capi di prova per la vestibilità preliminare.

Mylar: una pellicola di poliestere utilizzata per coprire un filato metallico.

N

Nastro: un filetto o un tessuto a trama stretta di larghezza variabile, comunemente da un quarto a tre pollici, con bordi cimosa, principalmente o rayon, seta o velluto, e utilizzato per intrecciare, decorazioni, guarnizioni, ecc.

Nainsook: un leggero tessuto di cotone ad armatura semplice, solitamente rifinito per creare lucentezza e mano morbida. Gli usi finali comuni sono l’abbigliamento per neonati, le camicette e la biancheria intima.

Nano-tecnologia: tecnologia complessa che coinvolge materiali di dimensioni nanometriche e combina scienze come biologia, chimica, fisica e ingegneria.

Nanofibra: si riferisce a fibre che sono tipicamente prodotte attraverso un processo di elettrofilatura, che fa girare le fibre in diametri che vanno da 10 nm (nanometri) a diverse centinaia di nanometri, ma solitamente inferiori a 1.000 nm. In termini scientifici, le nanofibre sono generalmente considerate aventi un diametro inferiore a un micron. Il nome nanofibra deriva dal nanometro, che è un’unità di misura scientifica che rappresenta un miliardesimo di metro, o da tre a quattro atomi di larghezza. Gli usi attuali della tecnologia nanofibre sono nei settori dei prodotti medicali, dei prodotti di consumo, dei prodotti industriali e delle applicazioni high-tech per il settore aerospaziale, condensatori, transistor, sistemi di somministrazione di farmaci, separatori di batterie, accumulo di energia, filtrazione, celle a combustibile e tecnologia dell’informazione.

Nap: una sensazione sfocata simile a una pelliccia creata quando le estremità delle fibre si estendono dalla struttura di base del tessuto alla superficie del tessuto. Il tessuto può essere sonnecchiato su uno o entrambi i lati.

Napping: l’innalzamento di fibre sul fronte della merce mediante cardini o rulli ricoperti di indumenti di carta (fili di acciaio) che sono alti circa un pollice. L’azione con entrambi i metodi solleva le fibre sporgenti e fa sì che il tessuto finito fornisca maggiore calore a chi lo indossa, rende il tessuto più compatto, fa sì che il tessuto diventi più morbido in mano o più liscio al tatto, aumenta la durata e copre le piccole aree tra gli intrecci o l’ordito e il ripieno.

NewLife: un nylon realizzato con la plastica riciclata proveniente dalla raccolta differenziata. Ulteriori informazioni su NewLife.

Ninon: un tessuto leggero, a trama semplice, realizzato in seta o fibre lavorate, con un aspetto simile a una maglia aperta. Gli usi finali includono abiti da sera e tende.

Novelty Yarn: un filato prodotto intenzionalmente per avere un effetto speciale o unico. Questi effetti possono essere prodotti attorcigliando fili singoli irregolari, utilizzando filati che contengono irregolarità o torcendo filati che contengono una variazione di colore.

Nylon: prodotto nel 1938, viene sviluppata la prima fibra completamente sintetica. Noto per la sua elevata resistenza ed eccellente resilienza, il nylon ha una resistenza all’abrasione superiore e un’elevata flessibilità. Una fibra prodotta in cui la sostanza che forma la fibra è una poliammide sintetica a catena lunga.

Nylon ripstop: tessuto ad armatura semplice, leggero, resistente al vento e all’acqua. I filati a coste larghe fermano gli strappi senza aggiungere peso in eccesso all’abbigliamento sportivo attivo e alle attrezzature da esterno come sacchi a pelo e tende. Tessuto utilizzato originariamente per paracadute e vele, ora trova favore nella moda e negli accessori.

Nytril: una fibra prodotta, più spesso utilizzata in maglioni o tessuti a pelo, dove si consiglia una pressatura minima o nulla, poiché la fibra ha un basso punto di rammollimento o di fusione. Tuttavia, è stato utilizzato con successo anche in miste con lana allo scopo di ridurre al minimo il restringimento e migliorare la conservazione della forma negli indumenti.

Dizionario O P Q

Dizionario tessile dalla lettera O alla Q. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

O

Occhiello: un tipo di tessuto che contiene ritagli a motivi, attorno ai quali è possibile applicare cuciture o ricami per evitare che il tessuto si sfilacci. Spesso lavorato con un punto per asole.

Olefina (poliolefina / polipropilene): una fibra caratterizzata da leggerezza, elevata resistenza e resistenza all’abrasione. L’olefina è anche brava a trasportare l’umidità, creando un’azione traspirante. Gli usi finali includono abbigliamento sportivo, corda, tappeti per interni ed esterni, mobili da giardino e tappezzeria.

Orange Fiber: questa fibra viene prodotta utilizzando come materia prima scarti di agrumi ed è molto simile alla seta. Ulteriori informazioni su Orange Fiber.

Ordito: in tutti i tessuti, questo è l’insieme di filo che scorre longitudinalmente in direzione della macchina, parallelamente alla cimosa e intrecciato con l’imbottitura. È l’insieme di fili avvolti insieme su una trave allo scopo di tessere o lavorare a maglia in ordito.

Ortica: una fibra organica e sostenibile derivata da un’erba selvatica grossolana.

Organdy: un tessuto ad armatura semplice, velato e leggero, con un titolo del filato medio-alto. Gli usi finali includono camicette, vestiti e tende / tendaggi.

Organza: un tessuto ad armatura semplice, leggero e trasparente, realizzato in seta, rayon, nylon o poliestere. Il tessuto è utilizzato principalmente in abiti da sera e da sposa per le donne.

Osnaburg: un tessuto resistente ad armatura semplice a trama grossa da medio a pesante, solitamente costituito da una miscela di cotone o cotone / poliestere. Gradi inferiori del tessuto non finito sono utilizzati per scopi industriali come borse, sacchi, rivestimenti per tubi. Gradi più elevati di osnaburg finito possono essere trovati in fodere per materassi, fodere, indumenti da lavoro e abbigliamento.

Ottoman: un tessuto a coste ad armatura semplice a trama fitta con una superficie dura leggermente lucida. L’effetto a coste viene creato tessendo un filato di seta più fine o di ordito fabbricato con un filato di riempimento più pesante, solitamente costituito da cotone, lana o filato di scarto. Nella costruzione, il filo di apporto più pesante è completamente ricoperto dal filo di ordito, creando così l’effetto a coste. Gli usi finali di questo tessuto includono cappotti, abiti, vestiti, tappezzeria e tendaggi.

Oxford: camicia di cotone morbida, un po’ porosa e piuttosto robusta con una finitura lucida simile alla seta. Realizzato su piccoli intrecci ripetuti, il tessuto si sporca facilmente a causa dell’imbottitura morbida e voluminosa. Il tessuto è disponibile in tutto bianco o può avere strisce con piccoli disegni geometrici tra queste strisce.

P

Panno di cincillà: un rivestimento a trama spigata convenzionale pesante con una superficie spugnosa che viene arrotolata in piccoli ciuffi o protuberanze per rianimare la pelliccia di cincillà. Solitamente realizzato in misto lana o lana / cotone in pesi di rivestimento.

Paisley: un motivo stampato fantasia a forma di goccia, utilizzato in abiti, camicette e cravatte da uomo.

Percalle: tessuto di media pesantezza ad armatura semplice con filati tinti sia in ordito che in imbottitura. Gli usi finali includono abiti, camicie e tende.

Pelle di squalo: un tessuto di media pesantezza, a bassa lucentezza, con una struttura a trama spigat . Si trova più comunemente negli abiti pettinati da uomo; tuttavia, può anche essere trovato in una struttura a trama normale di acetato, triacetato e rayon per l’abbigliamento sportivo femminile.

Pettinatura: il processo di pettinatura è un ulteriore passo oltre la cardatura. In questo processo le fibre sono disposte in una forma altamente parallela e le fibre corte aggiuntive vengono rimosse, producendo filati di alta qualità con resistenza, finezza e uniformità eccellenti.

Perline: varietà di pizzi o ricami di inserimento con file di fori attraverso i quali viene allacciato il nastro.

Pelo di cammello: una forma di lana brillante ed estremamente morbida. Poiché costosa, spesso viene utilizzata in mischia con lana per realizzare cappotti, abiti, maglioni, coperte e tappeti orientali. I colori naturali vanno dal marrone chiaro al nero brunastro.

Permeabilità all’aria: la porosità di un tessuto stimata dalla facilità con cui l’aria lo attraversa. La permeabilità all’aria misura il calore delle coperte, la resistenza all’aria del telo da paracadute, la resistenza al vento della tela per vele, ecc. Viene misurata con specifiche apparecchiature.

Peau de Soie: un tessuto di raso drappeggiato a trama pesante in twill, realizzato in seta o fibra lavorata e utilizzato per abiti da sposa e abiti da sera.

Percale: tessuto simile al cotone di peso medio, ad armatura semplice, con conteggio medio (da 180 a 250 fili per pollice quadrato). Gli usi finali includono lenzuola, camicette e vestiti.

Permeabilità: una caratteristica tessile che consente all’aria, all’acqua e al vapore acqueo di penetrare e passare attraverso di essa.

Piumino: la fibra morbida e soffice o le piume di anatre, oche o altri uccelli acquatici. Utilizzato principalmente per l’isolamento degli indumenti da esterno.

Pizzo: il termine deriva dall’antico francese, las, in latino, laquens, che significa cappio, o intrappolare. Un singolo filato può produrre un tessuto o un articolo intrecciato poiché si attorciglia in diverse direzioni per produrre un materiale poroso.

Pick: un filato di riempimento che scorre trasversalmente tra le cimosse nei tessuti. Il plettro si interseca con l’ordito (o filo longitudinale) per formare un tessuto intrecciato.

Pile: un tessuto leggero con una superficie spessa. Può essere un tessuto in pile o felpato, oppure una costruzione tessuta o lavorata a maglia. Gli usi finali includono cappotti, giacche, coperte, ecc. I tessuti in pile sono disponibili in una varietà di costruzioni, fornisce una buona durata nel tempo, calore, resistenza al vento, traspirabilità e protezione dagli agenti atmosferici.

Pile Fabric: un tessuto in cui alcuni filati sporgono da una trama di fondazione e formano un mucchio sulla superficie. I fili di pile possono essere tagliati o non tagliati nel tessuto. Il velluto a coste è un esempio di tessuti in pile con imbottitura tagliata.

Pile Knit: un tipo di costruzione a maglia che utilizza un filato speciale o una scheggia intrecciata in una base di maglia standard. Questa costruzione viene utilizzata nella formazione di tessuti in finta pelliccia, in fodere speciali per abbigliamento per il freddo come giacche e cappotti e in alcuni rivestimenti per pavimenti.

Pile Weave: un tipo di trama decorativa in cui una pila è formata da fili di ordito o di riempimento aggiuntivi intrecciati in modo tale da formare anelli sulla superficie o sulla faccia del tessuto. Gli anelli possono essere lasciati non tagliati, oppure possono essere tagliati per esporre le estremità del filo e produrre tessuto a pelo tagliato.

Pill Resistant: la capacità di un tessuto di ostacolare o evitare la formazione di piccole palline di fibre (pillole) che compaiono sulla superficie del tessuto.

Pilling: un groviglio di fibre che appare sulla superficie di un tessuto, a seguito di usura, abrasione o attrito continuo o sfregamento sulla superficie del tessuto.

Piñatex: una similpelle artificiale realizzata utilizzando foglie di ananas. Ulteriori informazioni su Piñatex.

Piqué: un tessuto di peso medio, a maglia o intessuto, con motivi in rilievo tra cui corde, galles, waffle. Le versioni tessute hanno corde che corrono longitudinalmente o nella direzione dell’ordito. Le versioni lavorate a maglia sono costruzioni in tessuto a doppia maglia, create su apposite macchine circolari.

Plaid: un motivo costituito da barre o strisce colorate che si incrociano ad angolo retto, paragonabile a un tartan scozzese. Il plaid deduce un motivo multicolore con ripetizioni di motivi piuttosto grandi.

Plain Weave: una trama di base, che utilizza un semplice intreccio alternativo di fili di ordito e di riempimento. Ogni filo di riempimento passa con successo sopra e sotto ogni filo di ordito, alternando ogni riga. Qualsiasi tipo di filato realizzato con qualsiasi tipo di fibra può essere prodotto in un tessuto ad armatura semplice.

Plied Yarn: una torsione di due o più fili singoli in un’unica operazione.

Plissé: un tessuto leggero, ad armatura semplice, realizzato in cotone, rayon o acetato, caratterizzato da un effetto a strisce increspate, solitamente nella direzione dell’ordito. L’effetto stropicciato viene creato mediante l’applicazione di una soluzione di soda caustica, che restringe il tessuto nelle zone del tessuto dove viene applicato. Plissé è simile nell’aspetto al seersucker. Gli usi finali includono vestiti, camicie, pigiami e copriletti.

Ply: due o più fili che sono stati ritorti insieme. Un filato di tessuto per pneumatici per automobili può essere a 9, 10 o 11 capi.

PLA (fibra di acido polilattico): una sostanza sintetica prodotta dalla fermentazione di zuccheri vegetali derivati principalmente dal mais, che viene poi trasformata in una fibra. Leggero, ipoallergenico e fornendo una maggiore protezione dai raggi UV rispetto al poliestere, utilizza circa la metà dell’energia necessaria per produrre altri polimeri sintetici ed è biodegradabile.

Poliestere: una fibra introdotta all’inizio degli anni ’50 e oggi più usata in tutto il mondo. La sostanza che forma la fibra nel poliestere è un qualsiasi polimero sintetico a catena lunga. Il poliestere ha un’elevata resistenza (sebbene leggermente inferiore al nylon), un’eccellente elasticità, un’elevata resistenza all’abrasione e resiste al restringimento, allo stiramento e alle rughe. La bassa assorbenza del poliestere consente alla fibra di asciugarsi rapidamente. I tessuti in poliestere sono utilizzati nell’abbigliamento e nell’arredamento della casa (ad es. copriletti, lenzuola, tendaggi e tende). I poliesteri industriali sono utilizzati in funi, rinforzi per pneumatici, cinture di sicurezza e plastica. L’imbottitura in fibra di poliestere viene utilizzata come imbottitura in cuscini, trapunte e guanciali.

Polimero: una struttura ad alto peso molecolare, che costituisce la sostanza da cui vengono prodotte le fibre. La fibra viene creata collegando insieme le unità molecolari a catena chiamate monomeri.

Polipropilene (olefina o poliolefina): una fibra prodotta caratterizzata da leggerezza, elevata resistenza e resistenza all’abrasione. Il polipropilene è anche bravo a trasportare l’umidità, creando un’azione traspirante. Gli usi finali includono biancheria intima termica, abbigliamento sportivo, corda, tappeti per interni ed esterni, mobili da giardino e tappezzeria.

Pongee: la forma più comune è un tessuto leggero, ad armatura semplice, simile alla seta con un effetto fiammato. Gli usi finali includono camicette, vestiti, ecc.

Ponte di Roma: un tessuto realizzato con una costruzione a doppia maglia, solitamente prodotto in un colore piuttosto che in modelli di colore. Questo tessuto semplice ha una qualità elastica con una leggera linea orizzontale. Il tessuto ha lo stesso aspetto su entrambi i lati.

Popeline: un tessuto realizzato utilizzando una variazione a coste della trama normale. La costruzione è caratterizzata dall’avere un leggero effetto di cresta in una direzione, solitamente il riempimento. Il popeline era associato all’abbigliamento casual, ma poiché il “mondo del lavoro” è diventato più rilassato, questo tessuto si è sviluppato in un punto fermo dei guardaroba maschili, essendo usato frequentemente nei pantaloni casual.

Prato (tessuto): un panno leggero e fine realizzato con filati cardati o pettinati, di lino o di cotone. Il tessuto ha una finitura resistente alle pieghe. Il lino prato è sinonimo di lino fazzoletto. Il prato di cotone è un tipo di tessuto simile, che può essere bianco, in tinta unita o stampato.

Pressa durevole: più o meno intercambiabile con il termine stampa permanente, ma in realtà più precisa. La pressa durevole implica che le proprietà di mantenimento della forma di un indumento siano eccellenti e durevoli per l’intera vita dell’indumento.

Preparato per la stampa (PFP): per il poliestere, significa che il tessuto è stato lavato, è privo di olio e non contiene ammorbidenti aggiunti.

Protezione UV (UPF): progettati per la protezione solare, questi tessuti speciali sono prodotti per il loro livello di protezione dai raggi ultravioletti (UV). Una nuova struttura del tessuto, combinata con un numero elevato di denari (correlato al numero di fili per pollice) può aiutare a produrre proprietà di protezione solare nei tessuti.

Punto rovescio: un punto base utilizzato nella lavorazione a maglia di trama, che produce tessuti a maglia che hanno lo stesso aspetto su entrambi i lati. Il punto rovescio viene spesso utilizzato in combinazione con la maglia e i punti a coste per produrre un disegno in tessuto a maglia. Maglioni, tessuti a maglia per neonati e abbigliamento per bambini, tessuti a maglia per abbigliamento sportivo specializzato e tessuti a maglia voluminosi sono comunemente realizzati utilizzando il punto rovescio.

Punteggiato Svizzero: un tessuto leggero, puro cotone o misto cotone con un piccolo motivo a pois floccato stampato sulla superficie del tessuto. Gli usi finali di questo tessuto includono camicette, vestiti, vestiti per bambini e tende.

Q

Quilting: una costruzione di tessuto in cui uno strato di piumino o fibra di riempimento viene posizionato tra due strati di tessuto e quindi tenuto in posizione mediante cuciture o sigillature in un modello regolare, coerente e all-over sui prodotti.

Dizionario dalla R S T

Dizionario tessile dalla lettera R alla T. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

R

Raso: è una delle tre principali trame impiegate nel settore tessile, la più morbida, lussuosa e riconoscibile. Anticamente realizzata solo in seta, oggi viene riprodotta in poliestere rayon e viscosa. Ulteriori informazioni sul raso.

Ramiè (ramia): una fibra sostenibile, simile al lino, presa dal gambo di una pianta coltivata in Asia orientale e Cina. È da 3 a 5 volte più resistente del cotone, estremamente assorbente e si asciuga rapidamente. Viene spesso utilizzato per la biancheria intima. Ulteriori informazioni sulla ramia

Rafia: una fibra naturale raccolta dalla corteccia interna che circonda il fusto di alcune piante dicotiledoni. La maggior parte delle fibre di rafia sono ottenute da erbe coltivate in agricoltura, tra cui lino, juta, canapa e ramia, ma possono includere anche piante selvatiche. Queste fibre hanno tipicamente una maggiore resistenza alla trazione rispetto ad altri tipologie, e sono quindi utilizzate per tessuti come corde, filati, carta, materiali compositi e tela. Sebbene ad alta intensità di manodopera, la sua produzione è considerata più ecologica rispetto alla produzione di fibre sintetiche a base di petrolio.

Rayon: una fibra prodotta composta da cellulosa rigenerata, derivata da cascami di cotone o dalla polpa di legno di alberi di pino, abete rosso o cicuta. Oggi, vari nomi per le fibre di rayon sono presi da diversi processi di produzione. I due metodi di produzione più comunemente usati per il rayon sono il processo di cuprammonio e il processo di viscosa. Il rayon è morbido e assorbente. Gli usi finali del rayon includono camicie, vestiti e pantaloni.

Raschel Knit: un tessuto a maglia in ordito in cui il tessuto a maglia risultante assomiglia a tessuti fatti a mano all’uncinetto, tessuti di pizzo e reti. Le maglie in ordito Raschel contengono filati intarsiati oltre a colonne di punti a maglia.

Rapporto calore / peso: una misura utilizzata per valutare l’efficacia di un prodotto isolante in relazione alle condizioni meteorologiche e all’ambiente. L’isolamento con il punteggio migliore è inferiore. Il piumino offre il miglior rapporto calore / peso rispetto a quasi tutti gli altri materiali isolanti, motivo per cui vedrai gli indumenti in piuma e i sacchi a pelo come la scelta principale da utilizzare con basse temperature.

Recupero delle rughe: simile alla resilienza. È la capacità di un tessuto di riprendersi dopo essere stato attorcigliato, stropicciato o distorto in qualsiasi modo. Alcuni tessuti sono in grado di eliminare le rughe grazie alla loro stessa elasticità. La lana è tra queste, così come le fibre termoplastiche e i cotoni trattati chimicamente. Vengono effettuati test di laboratorio per determinare la quantità o il grado di recupero di un tessuto dalle rughe.

Recupero di umidità: la quantità di acqua che una fibra completamente asciutta assorbirà dall’aria in una condizione standard di 70 gradi F e un’umidità relativa del 65%. Espresso come percentuale del peso della fibra secca.

Rete: un tessuto a maglia aperta di rayon, nylon, cotone o seta; realizzato in una varietà di maglie di forma geometrica di diverse dimensioni e pesi, abbinate a vari usi finali. La rete è realizzata annodando le intersezioni di filo o corda per formare la maglia.

Resistenza alle macchie: proprietà di fibra o tessuto che evidenzia la resistenza alle macchie.

Resistenza allo strappo: la forza necessaria per strappare un tessuto, misurata dalla forza necessaria per iniziare o continuare uno strappo in un tessuto. Espresso in libbre o in grammi, il metodo più comunemente utilizzato per determinare la resistenza allo strappo è la procedura del test di strappo Elmendorf.

Resistenza alla trazione (resistenza alla rottura): la resistenza mostrata da una fibra, un filato o un tessuto nel resistere alla rottura sotto pressione. È il numero effettivo di KG di resistenza che un tessuto darà prima che il materiale si rompa sulla macchina di prova.

Resistenza all’abrasione: il grado in cui un tessuto è in grado di resistere alla perdita di aspetto a causa di usura superficiale, sfregamento e altre azioni di attrito.

Repellenza: la capacità di un tessuto di resistere a cose come bagnarsi e macchiarsi con acqua, macchie, sporco, ecc.

Resilienza: la capacità di un tessuto di tornare alla sua forma originale dopo essere stato attorcigliato, schiacciato, stropicciato o distorto in qualsiasi modo.

Ritenzione del cloro: alcuni trattamenti o finiture in resina a base di cotone, rayon, nylon o tessuti misti possono far sì che le merci trattengano quantità variabili di cloro quando vengono lavate o sbiancate con cloro.

Ritardante di fiamma: una sostanza chimica applicata a un tessuto o incorporata nella fibra al momento della produzione, che riduce significativamente l’infiammabilità del tessuto.

Rib Knit: un punto base utilizzato nella lavorazione a maglia di trama in cui le macchine per maglieria richiedono due serie di aghi che operano ad angolo retto tra loro. Le maglie a coste hanno un grado molto elevato di elasticità in direzione trasversale. Questo tessuto a maglia viene utilizzato per indumenti completi e per usi specializzati come fasce per maniche, fasce per il collo, cinturini per maglioni e speciali finiture. I maglioni leggeri in maglia a costine offrono una vestibilità aderente.

Ring Spun Cotton: questo filato di cotone viene creato attraverso un processo che attorciglia le fibre di cotone dal seme della pianta. Il filato di cotone Ring-spun è realizzato torcendo e assottigliando continuamente i fili della fibra per creare una corda molto sottile delle fibre di cotone. La torsione Ring Spun produce un filato di cotone più resistente rispetto al filato di cotone convenzionale, con una mano notevolmente più morbida. Il numero di volte in cui le fibre vengono attorcigliate determina la morbidezza del filo.

S

Saia: una trama caratterizzata da linee diagonali, solitamente con un angolo di 45 gradi. In una saia i fili di ordito producono l’effetto diagonale. È una delle tre trame di base. La saia è l’armatura più comune per tessuti uniformi di peso inferiore.

Saldatura: esistono due metodi di base per l’applicazione di giunzioni di incollaggio. Il primo metodo utilizza una pellicola adesiva e l’applicazione di calore per incollare o laminare due substrati insieme. Il secondo metodo prevede l’incollaggio o il fissaggio di due tessuti, utilizzando la tecnologia ad ultrasuoni. La creazione e la canalizzazione di onde vibratorie ad alta frequenza provocano un rapido accumulo di calore nei tessuti sintetici per creare il legame.

Sanforized®: marchio registrato di The Sanforize Company, che è il metodo di controllo della contrazione più ampiamente riconosciuto utilizzato dalle principali industrie tessili del mondo. Il processo mantiene il restringimento residuo non superiore all’1% in entrambe le direzioni (secondo il test di lavaggio standard statunitense CCC-T-191a), nonostante i ripetuti lavaggi.

Saran: una fibra prodotta che ha un’eccellente resistenza alla luce solare e agli agenti atmosferici e viene utilizzata in mobili da giardino, tappezzerie e tappeti.

Sassonia: originariamente un tessuto di rivestimento di alta qualità realizzato con lana merino della Sassonia.

Sasawashi: un tessuto sostenibile derivato da una miscela di carta giapponese ed erba kumazasa. Saswashi è un bellissimo tessuto che ha un tocco morbido simile al cashmere o al cotone egiziano, ma ha una sensazione asciutta come il lino. Non crea pillole né pelucchi ed è due volte più assorbente del cotone. Si dice che abbia proprietà antiallergiche e antibatteriche naturali.

Sateen Weave: una variante della trama satinata, prodotta da filati di riempimento fluttuanti su filati di ordito. Il tessuto è realizzato con una trama satinata a 5 o 8 fusti con effetti di ordito o di riempimento.

Satin Weave: una trama di base, caratterizzata da lunghi galleggianti di filato sulla faccia del tessuto. I fili sono intrecciati in modo tale che non vi è alcun motivo visibile e definito di intreccio e, in questo modo, si ottiene un effetto superficiale liscio e alquanto lucido. L’effetto della superficie lucida è ulteriormente aumentato attraverso l’uso di fibre ad alta lucentezza che hanno anche una bassa quantità di torsione. Un vero tessuto a trama satinata ha sempre i fili di ordito che galleggiano sui fili di riempimento. Il nome satin ha avuto origine a Zaytun, in Cina. I tessuti in raso erano originariamente di seta e ora le simulazioni sono realizzate con acetato, rayon e altre fibre artificiali.

Sbiancamento: un processo di sbiancamento di fibre, filati o tessuti rimuovendo le impurità naturali e artificiali per ottenere bianchi chiari per il tessuto finito, o in preparazione per la tintura e il finissaggio. I materiali possono essere trattati con prodotti chimici o esposti a sole, aria e umidità. Ulteriori informazioni sullo sbiancamento

Senza PTFE (senza politetrafluoroetilene): un tessuto o una membrana composta da un composto sicuro per l’ambiente che non contiene i composti chimici del fluoro.

Senza PFC (prodotti chimici perfluorurati): questo materiale è un composto organofluorinato privo di legami carbonio-fluoro.

Seta: l’unica fibra naturale che si presenta sotto forma di filamenti da 270 a 1.500 metri di lunghezza avvolto nel bozzolo prodotto dal baco da seta. La maggior parte della seta viene raccolta da bachi in allevamenti intensivi. La seta Tussah, Ahimsa, o seta selvatica, è una fibra più spessa e corta prodotta dai vermi nel loro habitat naturale. Tutta la seta proviene dall’Asia, principalmente dalla Cina.

Seta Ahimsa: la seta viene tessuta utilizzando bozzoli vuoti piuttosto che raccogliere pupe di falena viva. Coltivata sugli alberi della foresta, la seta viene filata dopo che il baco da seta si trasforma in una falena e vola via lasciando il suo bozzolo. Questo tipo di seta prende il nome dalla dottrina indù, buddista e giainista della pace e della non violenza.

Seamless Knitting: un processo unico di maglieria circolare, eseguito su macchine per maglieria Santoni o Sangiacomo. Questo processo di lavorazione a maglia circolare produce essenzialmente capi finiti senza cuciture laterali, che richiedono solo una cucitura minima per completare il capo. La lavorazione a maglia senza cuciture può trasformare il filato in indumenti completi in una frazione del tempo necessario per la produzione di indumenti tradizionali, riducendo al minimo le tradizionali fasi ad alta intensità di lavoro di cucitura.

Seersucker: un tessuto intrecciato che incorpora la modifica del controllo della tensione. Nella produzione di seersucker, alcuni dei fili di ordito sono tenuti sempre sotto tensione controllata durante la tessitura, mentre altri fili di ordito sono in uno stato rilassato e tendono a raggrinzirsi quando i fili di riempimento vengono posizionati. Il risultato produce un effetto increspato nel tessuto. Seersucker è tradizionalmente trasformato in abbigliamento sportivo estivo come camicie, pantaloni e abiti informali.

Selvage o Selvedge: il sottile bordo compresso di un tessuto che corre parallelamente ai fili di ordito e impedisce lo sfilacciamento. Di solito si applica utilizzando filati più resistenti e una costruzione più stretta rispetto al resto del tessuto. Viene chiamato anche listato, self-edge, raw edge.

Serge: uno dei termini di base più antichi nei tessuti, ora implica qualsiasi panno per il viso liscio realizzato con una trama in twill.

Shantung: un tessuto di seta ad armatura semplice, caratterizzato da un effetto a coste, derivante da filati fiammati utilizzati nella direzione dell’ordito o della trama. Gli usi finali includono abiti e vestiti.

Sisal: una forte fibra liberiana che proviene dalle foglie della pianta di Agave che si trova nelle Indie occidentali, nell’America centrale e in Africa. Gli usi finali includono corde e spago.

Similpelle: un materiale con caratteristiche visive, tattili e tecniche simili alla pelle di origine animale, ma di origine artificiale. Ulteriori informazioni sulla similpelle

Sistema pettinato: il processo tessile di produzione di filati da fibre in fiocco che vanno oltre i 3 pollici di lunghezza. Le operazioni principali sono cardatura, pettinatura, stiro e filatura.

Sliver Knitting: un tipo di lavoro a maglia circolare in cui un tessuto a pelo alto viene lavorato a maglia.

Slow Fashion: l’opposto della fast fashion. Sostiene la progettazione, la produzione e l’acquisto di indumenti di qualità che dureranno più a lungo; programmi di produzione più lenti; impronte di carbonio ridotte; utilizzo di materiali sostenibili. Esistono diversi modi in cui i consumatori rifiutano la fast fashion, compreso l’acquisto di abiti sostenibili e realizzati in modo etico; acquistare prodotti di produzione locale, acquistare capi di seconda mano o vintage; comprare vestiti meno spesso per rallentare il tasso di consumo e lo spreco di moda. Ulteriori informazioni sulla Slow fashion

Soft Shell: i tessuti soft shell combinano i vantaggi dei tessuti hard shell con un tessuto traspirante, flessibile e confortevole. Tessuti elasticizzati con trattamento DWR.

Soil Release Finish: finitura che ha lo scopo di aumentare l’assorbenza di un tessuto. su miscele di stampa durevoli. La finitura permette alla macchia di lasciare il tessuto più velocemente, aumenta l’azione traspirante per un miglior comfort, e quindi conferisce una maggiore facilità nella pulizia. Alcune finiture di rilascio dello sporco forniscono anche resistenza allo sporco e facilità di rimozione dello sporco.

Soia: conosciuta anche come “cashmere vegetale”, la fibra di soia è una fibra tessile sostenibile ottenuta dai residui dei semi di soia dalla produzione di tofu. Fa parte di uno sforzo per allontanare i consumatori dai prodotti tessili petrolchimici e trasformare i rifiuti in prodotti utili. La fibra di soia ha una ritenzione del calore, una trasmissione dell’umidità e una resistenza batterica superiori; è anche morbida, liscia e leggera. Con una texture simile al cashmere, ha una lucentezza setosa e lo stesso assorbimento dell’umidità del cotone. Viene tipicamente utilizzata per biancheria intima, calze, sciarpe, lenzuola e abbigliamento da yoga/sportivo.

Solidità del colore: la capacità di un tessuto di mantenere il proprio colore e resistere allo sbiadimento se esposto ad acqua / lavaggio, sole, luce, atmosfera o altre condizioni ambientali.

Spazzolatura: un processo di finitura per tessuti in cui vengono utilizzati spazzole o altri dispositivi abrasivi per consentire alle fibre nei filati di essere sollevate per creare “un pelo” o una nuova struttura superficiale.

Spandex: una fibra elastomerica prodotta che può essere allungata ripetutamente oltre il 500% senza rompersi, riprendendo la sua lunghezza originale. Questa fibra è ampiamente utilizzata nella produzione di indumenti per creare elasticità.

SPF (Sun Protection Factor): SPF misura l’efficacia della protezione solare sul corpo. il test per SPF viene eseguito utilizzando un organismo vivente o un corpo per misurare il tempo necessario affinché la pelle si arrossisca senza copertura o protezione.

Spinneret: un dispositivo del tipo a ugello metallico con fori molto fini utilizzato nel processo di filatura delle fibre prodotte. La soluzione di filatura viene forzata o estrusa attraverso i piccoli fori per formare fibre a filamento continuo. I fori nella filiera possono variare di diametro per produrre fibre di vari denari.

Spugnatura: processo di pre-restringimento che prevede l’umidificazione con una spugna di tessuti di lana e pettinati. Il processo viene eseguito arrotolando la mussola umida o cuocendo a vapore. Questa procedura viene eseguita presso la fabbrica di tessuti prima del taglio.

Spugna: un tipico tessuto a trama larga non tagliato. Questo tessuto è formato utilizzando due serie di fili di ordito. Una di queste serie di fili di ordito è sotto pochissima tensione; quando i fili di riempimento vengono impacchettati in posizione, i fili con poca tensione vengono spinti indietro insieme ai fili di riempimento e si formano degli anelli. Gli usi tipici includono asciugamani, accappatoi e abbigliamento.

Spot Weave: una costruzione tessuta in cui i modelli sono incorporati a intervalli distanziati attraverso l’uso di ordito extra e/o filati extra di riempimento che vengono posizionati in aree specifiche. Questi filati sono intrecciati nel tessuto per mezzo di un attacco dobby o jacquard.

Substrato (supporto): tessuto su cui vengono applicati rivestimenti o altri tessuti.

Surah: un tessuto leggero e brillante con armatura a saia. La sura è il tessuto di cravatte, abiti e arredi, disponibile in seta, poliestere e rayon.

Sughero: un materiale estratto da alcune piante di quercia (la corteccia). Ulteriori informazioni sul sughero

T

Taffettà: un tessuto brillante, di peso medio, ad armatura semplice con un leggero aspetto a coste nella direzione dell’imbottitura (trasversale) e di solito con una lucentezza sulla superficie. Per l’abbigliamento formale, il taffetà è la scelta perfetta.

Tenacità: questa è una proprietà della fibra che misura la forza. La proprietà è determinata dalla forza richiesta per rompere la fibra. Tipicamente, questa è la misura in grammi per denaro (g/d).

Tecnologia di infusione: un processo di costruzione in polimero infuso che rinforza il tessuto degli indumenti esterni nei punti in cui subiscono più abusi. La tecnologia mescola polimeri, penetra in profondità nelle fibre interne e le circonda per formare un legame permanente. Questa matrice robusta e resiliente garantisce una superficie altamente resistente all’usura pur consentendo al tessuto di rimanere leggero e flessibile. Il processo di polimero infuso elimina la necessità di sovrapposizioni di abrasione più pesanti, nastri e legature e aggiunge una maggiore resistenza ai punti più cruciali dell’indumento, il che prolunga notevolmente la durata dello stesso.

Tessitura: il processo di formazione di un tessuto su un telaio intrecciando l’ordito (fili longitudinali) e l’imbottitura (fili trasversali) perpendicolari tra loro.

Tessuto a cesto (Basket Weave): una variante della struttura ad armatura semplice, formata trattando due o più fili di ordito e/o due o più fili di riempimento come un’unità nel processo di tessitura. I filati in un intreccio a canestro vengono posati nella struttura tessuta piatta e mantengono una relazione parallela. È possibile produrre tessuti a canestro sia bilanciati che sbilanciati. Ulteriori informazioni sul tessuto a cesto

Tessuti ad alta visibilità: tessuti che contengono materiali fluorescenti per rendere visibile chi li indossa in condizioni di scarsa illuminazione. Questi tessuti hanno la capacità di riflettere le luci in arrivo facendoli brillare al buio.

Tessuto pettinato: un tessuto a trama fitta realizzato utilizzando solo fibre lunghe, lana pettinata o filati misto lana. Il filato pettinato ha una superficie liscia e viene filato da fibre a fiocco uniformemente pettinate. Il tessuto ha una superficie dura e liscia. Gabardine e surge sono esempi di tessuti pettinati. Un uso finale comune sono gli abiti su misura da uomo.

Tessuto intrecciato: tessuti composti da due serie di filati. Una serie di fili, l’ordito, corre lungo la lunghezza del tessuto. L’altra serie di fili, l’imbottitura o la trama, è perpendicolare all’ordito. I tessuti vengono tenuti insieme intrecciando i fili di ordito e di riempimento uno sopra l’altro.

Tessuto non tessuto: una struttura tessile tenuta insieme dall’incastro di fibre in una rete casuale, realizzata con mezzi meccanici, chimici, termici o solventi. Generalmente, vengono utilizzate fibre aggraffate di lunghezza compresa tra 0,75 e 4,5 pollici.

Tessuto a coste: una delle varianti di tessitura normale che si forma utilizzando 1) filati pesanti nella direzione dell’ordito o di riempimento 2) un numero sostanzialmente maggiore di fili per pollice in una direzione opposta rispetto all’altra 3) diversi filati raggruppati insieme. I tessuti a costine sono tutti caratterizzati dall’avere un leggero effetto cresta in una direzione, solitamente l’imbottitura. Esempi di questa costruzione includono tessuto a doppia altezza, popeline, taffetà, faille, shantung e corda di tessuto.

Tessuti rivestiti: tessuti che sono stati rivestiti con una lacca, vernice, gomma, resina plastica di cloruro di polivinile o polietilene, o altra sostanza per renderli più duraturi o impermeabili all’acqua o ad altri liquidi.

Tessuto composito: tessuto ingegnerizzato composto da due o più componenti. Un componente è spesso una fibra resistente come fibra di vetro, Kevlar® o fibra di carbonio che conferisce al materiale la sua resistenza alla trazione, mentre un altro componente (spesso chiamato matrice) è spesso una resina, come poliestere o resina epossidica che lega insieme le fibre.

Tessuto a compressione: un tessuto elasticizzato ad alta tenacità che, quando è indossato, fornisce ai muscoli una vestibilità a “compressione” che riduce le vibrazioni, riduce la fatica e mantiene i muscoli energizzati. Il tessuto è solitamente realizzato in una costruzione a maglia, utilizzando una serie di fibre sfumate con una superficie interna a maglia aperta per creare un ambiente traspirante.

Tessuto bruciato: un effetto modello broccato creato sul tessuto attraverso l’applicazione di una sostanza chimica (invece del colore) durante il processo di stampa calcinata. L’acido solforico, miscelato in una pasta incolore, è la sostanza chimica più utilizzata. Con questo metodo è possibile creare molti effetti simulati. In questi casi, la sostanza chimica distrugge la fibra e crea un buco nel tessuto in un disegno specifico. Il tessuto viene quindi sovrastampato con un punto di ricamo simulato per creare l’effetto occhiello.

Tessuto in doppia altezza: originariamente un tessuto di seta per camicie chiamato così perché era tessuto in larghezze superiori ai normali 29 pollici. Oggi, tessuto a doppia altezza si riferisce a un tessuto a trama fitta e brillante o misto poliestere/cotone a trama normale con una costa trasversale. Assomiglia al popeline, ma la costa è più fine e il tessuto a doppia altezza ha sempre più fili trasversali (plettri) rispetto al popeline.

Tessuto laminato: un termine usato per descrivere i tessuti che sono stati uniti insieme attraverso l’uso di una tela rinforzata ad alta resistenza o di tessuti di base tra due strati di film termoplastico flessibile. Può essere incollato utilizzando la schiuma stessa o qualche altro materiale, come adesivi, calore o leganti chimici.

Tessuto a maglia: tessuti realizzati con un solo set di filati, tutti nella stessa direzione. Alcune maglie hanno i filati che corrono lungo la lunghezza del tessuto, mentre altre hanno i filati che corrono attraverso la larghezza del tessuto. I tessuti a maglia sono tenuti insieme avvolgendo i fili l’uno intorno all’altro. Il lavoro a maglia crea creste nel tessuto risultante.

Tessuto PTFE: un tessuto realizzato in politetrafluoroetilene, come Gore-Tex.

Tessuto intrecciato: un tessuto stretto realizzato incrociando diagonalmente un numero di fili robusti, in modo che ogni filo passi alternativamente sopra o sotto uno o più degli altri supporti. Tipicamente utilizzato nei lacci delle scarpe e nelle bretelle. E’ anche noto anche come lavorazione a maglia doppia, questa speciale costruzione a maglia utilizza l’aggiunta di un secondo filo all’interno dello stesso punto. Il secondo filo è generalmente di un colore o tipologia diversa. Durante il processo di lavorazione a maglia, il secondo filo viene posizionato sotto il primo filo, in modo che ognuno possa essere arrotolato su un lato specifico del tessuto. In molti casi, un filo/colore appare sulla faccia del tessuto e l’altro di contrasto appare sul retro.

Tessuti ad alte prestazioni: tessuti realizzati per una varietà di applicazioni finali, che forniscono qualità funzionali, come gestione dell’umidità, protezione UV, antimicrobi, termoregolazione e resistenza a vento / acqua.

Tessuto finito: un tessuto che ha subito tutti i processi di rifinitura necessari ed è pronto per essere utilizzato nella produzione di indumenti. Questi processi includono candeggio, tintura, stampa, termofissaggio, ecc.

Tessuto rasatello: questo tessuto è realizzato con una trama satinata con effetti di ordito o di riempimento realizzati con filati a bassa lucentezza, come cotone o altre fibre in fiocco. Il tessuto è morbido e liscio al tatto e una lucentezza delicata. I tessuti in raso sono spesso usati per tendaggi e tappezzeria.

Tessuto satinato: un tessuto tradizionale che utilizza una struttura a trama satinata per ottenere una faccia in tessuto brillante con una parte posteriore opaca. Il raso è un tessuto tradizionale per abiti da sera e da matrimonio. Esempi tipici di tessuti a trama satinata includono: raso pantofola, raso crepe-back, raso faille, raso da sposa, fustagno e raso antico.

Tessuti intelligenti: tessuti in grado di rilevare e reagire ai cambiamenti nell’ambiente, come i cambiamenti da fonti meccaniche, termiche, chimiche, magnetiche e di altro tipo.

Tessuto distanziatore: due facce di tessuti separate lavorate a maglia indipendentemente e quindi collegate da un filo distanziatore separato. Questi tessuti possono essere prodotti sia su macchine circolari che rettilinee. I tessuti spaziatori hanno proprietà di buona traspirabilità, resistenza allo schiacciamento e un aspetto 3D.

Tessuto Khadi: un tessuto ricco di significati rivoluzionari, il khadi è il simbolo della resistenza dell’India ai tessuti occidentali portati dal colonialismo. Gli inglesi cercarono infatti di bloccarne la produzione in ogni modo, per poter esportare i tessuti di loro produzione. Ulteriori informazioni sul tessuto khadi

Tecnologia senza cuciture: utilizza un agente legante per attaccare insieme due pezzi di tessuto ed elimina la necessità di fili per cucire.

Tela per vele: qualsiasi tessuto di tela pesante, ad armatura semplice, solitamente di cotone, lino, poliestere, juta, nylon, ecc. Utilizzato per vele e abbigliamento (ad es. abbigliamento sportivo leggero).

Tela: tessuto in cotone, lino o sintetico, realizzato con trama semplice in filati pesanti per scopi industriali. Chiamato anche “anatra”, sebbene il termine “tela” di solito si riferisca alle costruzioni più pesanti e grossolane.

Tension Control Weave: un tipo di armatura decorativa, caratterizzata da un effetto raggrinzito che si verifica perché la tensione nei fili di ordito viene variata intenzionalmente prima che i fili di riempimento vengano inseriti nel tessuto.

Tentering: un processo di finitura in cui un tessuto viene allungato sotto tensione su un telaio come parte del processo di produzione. Il processo di tentering trasporterà il tessuto attraverso una camera riscaldata e lo manterrà teso in modo che si asciughi uniformemente.

Terry Velour: un tessuto di cotone a trama felpata con una pila non tagliata su un lato e una pila tagliata sul retro. Il velluto di spugna è apprezzato per la sua mano morbida e lussuosa. Gli usi tipici includono asciugamani, accappatoi e abbigliamento.

Testurizzazione: un processo eseguito con macchinari specializzati che creano massa, allungano il filato e creano una nuova estetica al tessuto finito.

Termoregolazione: la capacità di mantenere una temperatura costante indipendentemente dalle condizioni ambientali.

TirolWool: una lana prelevata esclusivamente dalle pecore che vivono nel tirolo. Ulteriori informazioni sulla TirolWool

Ticchettio: un tessuto a trama fitta, molto resistente, solitamente in cotone, utilizzato per rivestire materassi, molle, cuscini e abiti da lavoro. Il tessuto può essere realizzato utilizzando una struttura a trama normale, raso o saia.

Tintura: tintura del filato/tessuto dopo la tessitura o il lavoro a maglia.

Tinto in massa: un tipo di tintura di fibre in cui i pigmenti colorati vengono iniettati nella soluzione di filatura prima dell’estrusione della fibra. Le fibre e i filati colorati in questo modo sono resistenti alla maggior parte degli agenti distruttivi. Questo processo non utilizza acqua aggiuntiva e riduce l’inquinamento nella tintura.

Tow: un grande fascio di filamenti continui, come il poliestere.

Trama: in tessuto intrecciato, i fili di riempimento che corrono perpendicolari ai fili di ordito. Le tre trame di base sono Plain, Twill e Satin (raso). Tutte le altre trame, non importa quanto intricate, impiegano una o più di queste trame di base nella loro composizione. Le variazioni sulle trame di base creano una varietà di diverse superfici di tessuto e punti di forza del tessuto.

Traspirazione: dispersione o diffusione di umidità o liquido attraverso una data area per azione capillare in un materiale.

Traspirabilità: il movimento dell’acqua o del vapore acqueo da un lato all’altro del tessuto, causato da azione capillare, chimica o elettrostatica.

Trattato con resina: un processo di finitura associato all’applicazione di composti chimici sintetici al tessuto per fornire resistenza alle rughe, ai lavaggi e l’usura.

Tramutante: fascio continuo di fibre non attorcigliate assemblate in modo lasco (non stretto). Si tratta di fibre che vengono intrecciate in un filo unico durante il processo di lavorazione a maglia.

Tracciabilità: la capacità di risalire ai prodotti e ai loro componenti attraverso ogni fase della catena di fornitura, fino alle materie prime.

Triacetato: una fibra prodotta modificando la cellulosa. Per creare questa fibra sono stati aggiunti più gruppi di acetato. Il triacetato è meno assorbente e meno sensibile alle alte temperature rispetto all’acetato. Può essere lavato a mano o in lavatrice e asciugato in asciugatrice.

Tricot Knit: un tessuto a maglia in ordito formato intrecciando fili paralleli adiacenti. La trave di ordito trattiene migliaia di metri di fili in una disposizione parallela, e questi fili vengono alimentati simultaneamente nell’area di lavoro a maglia. Questi tessuti sono spesso utilizzate in articoli di lingerie femminile come sottovesti, reggiseni, mutandine e camicie da notte.

Tulle: una rete leggera, estremamente fine, realizzata a macchina, solitamente con un effetto rete a forma di esagono. Gli usi finali includono costumi e veli da danza.

Tweed: un tessuto di lana da medio a pesante, morbido, a trama saia, contenente filati fiammati colorati. Gli usi finali comuni includono cappotti e abiti.

Twist: un termine che si applica al numero di giri e alla direzione in cui vengono girati due fili durante il processo di produzione. La torsione del filo avvicina le fibre e le rende compatte. Aiuta le fibre ad aderire l’una all’altra, aumentando la resistenza del filato. La direzione e la quantità di torsione del filato aiuta a determinare l’aspetto, le prestazioni, la durata di entrambi i filati e il successivo tessuto o prodotto tessile. I fili singoli possono essere ritorti a destra (torsione S) o a sinistra (torsione Z). Generalmente, i filati di lana pettinati sono con torsione a S, mentre i filati di cotone e lino sono tipicamente con torsione a Z. La torsione è generalmente espressa come giri per pollice (tpi), giri per metro (tpm) o giri per centimetro (tpc).

Dizionario dalla U V Z

Dizionario tessile dalla lettera U alla Z. Usa l’indice dei contenuti per saltare velocemente da una lettera all’altra, oppure usa la combinazione di tasti CTRL + F per aprire la barra di ricerca del tuo browser e trovare rapidamente la parola che cerchi.

U

UL Down: Ultra Light Down viene utilizzato nelle giacche da donna e da uomo. il concetto è quello di rendere disponibile lo strato isolante più leggero e caldo. I piumini UL pesano meno di una maglietta, bloccano più vento, sono più caldi anche delle pesanti giacche in pile, inoltre si comprimono fino alle dimensioni di una bottiglia d’acqua. Questo capospalla può essere utilizzato quando il calore è fondamentale, il peso minimo è importante e lo spazio è prezioso.

Ultraleggero: termine utilizzato per descrivere un tessuto utilizzato nell’abbigliamento esterno, che consente un volume e un peso minimi della confezione. Gli indumenti leggeri e ripiegabili sono versatili e offrono protezione dagli agenti atmosferici. Alcuni di questi tessuti hanno uno strato protettivo sulla membrana, che garantisce durata. Ciò significa che gli indumenti realizzati con tessuti ultraleggeri non necessitano di fodera separata.

Upcycling: l’upcycling implica la conversione o il riutilizzo di prodotti tessili vecchi, usurati o scartati per realizzare nuovi prodotti di valore. L’upcycling aiuta a ridurre gli oltre 12 milioni di tonnellate di indumenti che vengono smaltiti in discarica ogni anno.

UPF (fattore di protezione dai raggi ultravioletti): la classificazione UPF indica l’efficacia di un tessuto nel bloccare le radiazioni ultraviolette solari. Le valutazioni UPF vanno da 15 a 50, valutazioni più alte indicano un blocco più efficace e quindi una migliore protezione per chi indossa l’indumento. I tessuti con un test superiore a UPF 50 sono classificati come UPF50+. Il test UPF prevede l’esposizione di un tessuto alle radiazioni ultraviolette (UVR) e la misurazione della quantità di materiale trasmesso attraverso il campione. Diverse lunghezze d’onda della radiazione nello spettro UVR hanno effetti diversi sulla pelle umana e questo viene preso in considerazione quando si calcola il rating UPF.

V

Valore Clo: un’unità di resistenza termica. L’isolamento necessario per produrre il calore necessario per mantenere un individuo confortevole a 21 gradi centigradi con movimento dell’aria a 0,1 m/s.

Vegea: una similpelle artificiale realizzata utilizzando scarti della produzione vinicola. Ulteriori informazioni su Vegea.

Vello: la lana tosata da qualsiasi pecora o da qualsiasi animale nella categoria lana.

Velluto: un tessuto a pelo corto di peso medio in cui il pelo tagliato si alza dritto in una successione di file così ravvicinate da creare una superficie uniforme. È tessuto utilizzando due serie di fili di ordito; il set extra crea la pila. Il velluto, un tessuto lussuoso, è comunemente realizzato con una fibra filamentosa per un’elevata lucentezza e morbidezza al tatto.

Velluto a coste: un tessuto, solitamente di cotone, che utilizza una struttura a trama tagliata. Serie extra di fili di riempimento vengono intrecciati nel tessuto per formare creste di filo sulla superficie.

Velluto panné: un tipo di tessuto in velluto lucido e leggero, solitamente di seta o di una fibra lavorata, in cui il pelo è stato appiattito in una direzione.

Velcro: materiale in nylon composto da una superficie di minuscoli ganci e da una superficie complementare con peli che fungono da adesivo per i ganci (sistema a strappo).

Velour: un tessuto di medio peso, a trama fitta con pelo spesso. Può essere realizzato utilizzando una struttura a trama normale o a trama satinata. Assomiglia al velluto, ma ha un taglio più basso. Gli usi finali includono abbigliamento, tappezzeria e tendaggi.

Vellutino: un panno in pile di riempimento in cui il pile viene realizzato tagliando una serie extra di fili di riempimento che si intrecciano in formazione. Questi filati vengono tessuti o legati nel retro del materiale ad intervalli, tessendo sopra e sotto una o più estremità dell’ordito.

Vinyon: un polimero in fibra sintetica a base di cloruro di polivinile. In alcuni paesi le fibre di vinyon sono indicate come fibre di cloruro di polivinile ed è di natura simile al vinile. Può legare fibre e tessuti non tessuti.

Viscosa: il tipo più comune di rayon. Viene prodotto in quantità molto maggiori rispetto al cuprammonio rayon, l’altro tipo commerciale. Ulteriori informazioni sulla Viscosa.

Voile: un tessuto fresco, leggero, simile al cotone, armatura semplice, realizzato con filati ad alta torsione in una costruzione ad elevato numero di filati. Simile nell’aspetto all’organza. Utilizzato in camicette, abiti e tende.

W

Water Resistant (resistente all’acqua): tessuto trattato chimicamente per resistere all’acqua o sottoposto a un “trattamento ceroso” per renderlo repellente. Da non confondere con idrorepellente. Tuttavia, i termini sono spesso usati in modo intercambiabile.

Whipcord: un tessuto intrecciato con un aspetto saia molto ripido e compatto. Gli usi finali del tessuto includono vestiti di lana, misti di lana e diversi tipi di uniformi.

Wigwan: un panno di cotone convertito, tinto di nero, marrone o grigio, con una finitura liscia, utilizzato per le controfodere negli indumenti da uomo per dare corpo all’indumento.

Wind Resistant: la capacità di un tessuto di agire contro o opporsi alla penetrazione del vento o dell’aria.

Wickability: la capacità di una fibra o di un tessuto di disperdere l’umidità e consentirle di passare attraverso la superficie del tessuto, in modo che possa avvenire l’evaporazione.

Wrinkle Free: resistenza alle rughe creata attraverso l’uso di una varietà di finiture e trattamenti.E

Ti è piaciuto il contenuto? Condividi!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
icona moda sostenibile

Leggi le nostre guide gratuite

Appositamente create per rendere più consapevoli consumatori e imprenditori

Tessuti e materiali ecologici
icona tessuti
Fibre ecologiche

Se si usano fibre e tessuti a basso impatto ambientale è molto più semplice parlare di moda sostenibile

Materiali alternativi alla pelle di origine animale
icona cruelty free
Alternative alla pelle

Parliamo di materiali cruelty free proposti come alternative ecologiche alla pelle di origine animale

Analisi di laboratorio per certificazione tessile
icona certificazioni
Certificazioni tessili

Le etichette più diffuse nella moda: biologico, cruelty free, etico, riciclo di risorse e molto altro

Scarica la Guida alla Moda Sostenibile, Etica e Cruelty Free

Unisciti a oltre 15 mila utenti che l’hanno già letta dal 2016 ad oggi!

  • è in formato digitale
  • c’è un video da vedere
  • e tante infografiche di confronto