Perché Risparmiare Acqua è Così Importante?

Il 97,5% dell’acqua mondiale è bloccata in mari e oceani ed è troppo salata per farne uso, mentre il restante 2,5% è trattenuta nelle calotte polari. Noi dipendiamo dal quel che rimane disponibile: l’acqua dolce, una risorsa naturale essenziale per la vita.

Beviamo, laviamo, usiamo l’acqua per produrre qualsiasi cosa, dall’abbigliamento al cibo. Le risorse idriche vengono inoltre utilizzate più velocemente che mai nella produzione di colture, compresi mangimi per animali e biocarburanti.

Ti piace la Moda Sostenibile? 🙂

Federica e Cristian titolari di Vesti la natura

Vuoi una Moda più Green? Parliamo di Moda Sostenibile e Cruelty Free. Ricevi Gratis Aggiornamenti Mensili. Scopri Prodotti Ecologici nella Tua Città

Statistiche sul Consumo di Acqua

  • 150 litri è la quantità media di acqua che ciascuno di noi utilizza quotidianamente per lavare, cucinare e pulire.
  • 70% di tutta l’acqua dolce viene utilizzata per produrre il cibo che mangiamo.
  • 58 vasche di acqua vengono utilizzate da ogni singola persona per produrre le cose che acquistiamo quotidianamente.
  • 13.000 litri di acqua sono state utilizzate per produrre un solo cellulare.
  • 500 litri di acqua per ogni singolo pneumatico di una autovettura.
  • 150.000 litri di acqua per fabbricare una macchina.
  • 15.000 litri di acqua per un Jeans in cotone.
  • 3.000 litri di acqua per una T-shirt in cotone.

Quando leggiamo questi dati stentiamo quasi a crederci. Un consumo di acqua del tutto fuori controllo, sembra normale aprire il rubinetto di casa e vederla scorrere all’infinito, ma oggi in molti comuni italiani sono in vigore limitazioni orarie sull’utilizzo appunto perché siamo in emergenza acqua potabile.

10 Errori da Evitare per Risparmiare Acqua

Abbiamo selezionato i 10 errori più comuni che ci fanno sprecare acqua preziosa durante la nostra vita quotidiana. Potremmo scriverne almeno altri 20 in più, ma risolvere questi sarebbe già un grandissimo passo avanti.

Infografica spreco acqua potabile

Lavaggio con Lavatrice non a Pieno Carico

Serie di lavatrici vuote in lavanderia

Un lavaggio in lavatrice a pieno carico consuma molta meno acqua ed energia di 2 lavaggi semi-carichi. Un lavaggio a pieno carico aiuta anche a diminuire i costi per le bollette di acqua ed energia elettrica.

Rubinetto dell’Acqua Troppo Aperto

Rubinetto dell'acqua in cucina con acqua che scorre

Non lasciare che il tuo consumo di acqua diventi incontrollabile. Risparmia 6 litri d’acqua al minuto semplicemente chiudendo il rubinetto mentre ti lavi i denti. Usa un aereatore per rubinetti (riduttore di flusso) interrompendo così lo scorrere inutile e dannoso di circa 60 litri di acqua settimanali.

Doccia con Troppa Pressione

Primo piano di una doccia con acqua aperta

Ogni minuto che passi in una doccia multi-getto consuma fino a 17 litri d’acqua. Passare ad un soffione più dolce ti permetterà di insaponarti e lavarti con cura utilizzando un quantitativo di acqua nettamente inferiore.

Water Senza Doppio Scarico

Un water con doppio scarico nel bagno

Ogni persona tende a scaricare lo sciacquone circa 7 volte al giorno, consumando annualmente circa 25 mila litri di acqua. Fortunatamente i moderni sistemi a doppio scarico fanno risparmiare enormi quantità di acqua. Usano dai 4 ai 6 litri di acqua contro i 10 litri dei water mono-scarico.

Mangiare Troppa Carne soprattutto se Bovina

Primo piano di una mucca da carne

L’allevamento di animali da carne e la lavorazione di prodotti lattiero-caseari hanno un’incredibile volume di spreco d’acqua. Riducendo la quantità di carne che si mangia è possibile ridurre drasticamente il consumo di acqua (oltre a ridurre le emissioni di CO2 e GAS SERRA). Una dieta vegetariana potrebbe ridurre la tua impronta idrica legata al cibo del 36%.

Buttare l’Acqua Usata per Cucinare

Una pentola sui fornelli con acqua che bolle

Se fai bollire prova a usare l’acqua avanzata come brodo per zuppe. Oppure lascia che si raffreddi e utilizzala per innaffiare le piante. L’ideale è cucinare a vapore il cibo, sia per ridurre il consumo di acqua sia per conservare i nutrienti naturali.

Avanzi di Cibo nella Spazzatura

Buttare avanzi di cibo nella spazzatura

Per produrre cereali, frutta, ortaggi e qualsiasi altro cibo di cui ci nutriamo, vi è un’enorme utilizzo di acqua. Perché sprecare cibo se un utilizzo più consapevole ci potrebbe far risparmiare economicamente?

Annaffiare le Piante in Orari Sbagliati

Annaffiare le piante in giardino

Un ottimo consiglio per risparmiare acqua è quello di innaffiare le piante all’aperto al mattino presto o alla fine della giornata. Questo impedisce all’acqua di evaporare immediatamente alla luce del sole a causa del calore. Un altro accorgimento è quello di mettere l’acqua direttamente sul terreno piuttosto che sulle foglie, in modo tale che il liquido vada dritto alle radici.

Non Sfruttare l’Acqua Piovana

Recuperare acqua piovana con casseruola

L’installazione di botti d’acqua consente di risparmiare fino a 5 mila litri d’acqua all’anno. Le tue piante ti ringrazieranno per aver utilizzato l’acqua piovana piuttosto che l’acqua trattata del rubinetto.

Lavastoviglie non a Pieno Carico

Lavastoviglie in cucina a mezzo carico

Incredibilmente, se riempi completamente la lavastoviglie ogni volta che la utilizzi, sprecheresti meno acqua di quanto faresti con il lavaggio a mano. Come per la lavatrice, anche per la lavastroglie vale la regola di effettuare un lavaggio carico piuttosto che due semi-carichi.

I Governi devono Agire per Risparmiare Acqua

Sembrerebbe cosa facile, ma sono così tanto impegnati che nessuno pensa al consumo di acqua come un fattore determinante per la sopravvivenza della specie. In tutto il mondo i governi possono aiutare a salvare l’acqua dolce e prevenire l’inquinamento delle acque:

  • Misurare l’uso dell’acqua e fissare obiettivi per ridurlo.
  • Obbligare le grandi aziende a misurare e gestire la quantità di risorse idriche che utilizzano.
  • Sostenere l’industria affinché i prodotti ad alta intensità idrica durino più a lungo.
  • Fornire ai consumatori gli strumenti per comprendere gli impatti idrici dei prodotti che acquistano.
  • Fare leggi per aumentare il riciclaggio dell’acqua.
  • Impedire ai privati e alle aziende di inquinare le vie navigabili: legiferando contro l’uso di sostanze tossiche che inquinano i nostri terreni.
  • Limitare o eliminare definitivamente la pratica di “accaparramento dell’acqua” detta Watergrabbing.

Cos’è il Watergrabbing?

Alcune multinazionali, ma anche aziende e piccoli investitori acquistano terreni in tutto il mondo contribuendo alla carenza idrica e all’inquinamento delle falde acquifere.

Spesso negano alle popolazioni locali l’accesso all’acqua, inquinando i corsi d’acqua o esaurendo rapidamente le scorte. Questo influisce pesantemente sulla capacità delle comunità locali di coltivare e accedere ad acqua potabile sicura. Un ignobile sistema figlio del capitalismo noto come Watergrabbing, purtroppo sempre più diffuso nei paesi in via di sviluppo.