Logo Vesti la natura bianco
Scopri Canapa

Sughero dalla Quercia alla Moda

Cos’è il Sughero?

Il sughero è un materiale di origine naturale estratto dalla corteccia delle piante. Lo strato di corteccia viene raccolto principalmente dalla Quercus Suber (la quercia da sughero), che vive principalmente a sud-ovest dell’Europa e nord-ovest dell’Africa.

E’ possibile estrarre il sughero anche dalla corteccia della betulla e molti altri alberi, ma nel ristretto senso commerciale del termine “sughero”, solo la corteccia della quercia da sughero merita l’appellativo di sughero.

Il sughero è composto da suberina, una sostanza idrofoba. Grazie alle sue proprietà impermeabili, galleggianti, elastiche e ignifughe, è utilizzato in una grande varietà di prodotti in diversi settori commerciali.

Il sughero è un materiale organico al 100% e questo ci spinge a raccontarvi di più su questo materiale ecologico. Nel settore tessile, sempre più marchi di moda decidono di utilizzarlo per produrre collezioni di borse, scarpe, accessori come portafogli, ma anche orecchini e collane.

Essendo un materiale naturale di origine vegetale come il cotone biologico, la canapa, il lino, lo juta, il caucciù e la ramia, anch’esso è un materiale cruelty free (vegan fiendly). Purtroppo, seppure sia un materiale davvero fantastico, plastica e altre fibre sintetiche hanno sostituito il sughero in molti settori commerciali.

Una quercia da sughero intagliata

Vesti la natura è su Facebook!

Federica e Cristian titolari di Vesti la natura

Ti piace la Moda Sostenibile e Cruelty Free?

Quercia da sughero

La quercia da sughero è originaria della regione mediterranea, cresce abbondantemente in Portogallo, in Spagna, in alcune parti del sud della Francia, in Italia e in Nord Africa. La quercia da sughero vive per circa 150 anni raggiungendo in media i 18 metri di altezza e si presenta con una testa ampia e rotonda e foglie sempreverdi e lucenti.

Un'alta quercia da sughero intagliata

La quercia da sughero è pronta per l’estrazione del sughero dopo circa 25 anni di vita, ma la corteccia ottenuta alla prima estrazione è ruvida e irregolare ed ha scarso valore commerciale.

Il sughero ottenuto alla seconda estrazione -tra 3 e 10 anni dopo la prima estrazione- è di migliore qualità, tuttavia, nonostante i tempi possano sembrare molto lunghi, è importante sapere che la quercia continuerà a produrre sughero per molti decenni a venire.

Come viene estratto il sughero?

Il sughero viene estratto dalla quercia da sughero senza mai danneggiare l’albero. Si rimuove solo lo strato esterno della corteccia, così da non creare danni allo sviluppo della pianta. A differenza della corteccia interna, la corteccia esterna, chiamata appunto sughero, non è vitale per la sopravvivenza dell’albero, poiché ha la semplice funzione di proteggerlo dal caldo e dai venti secchi dell’estate mediterranea.

Dopo l’estrazione, la quercia da sughero produce un nuovo strato di corteccia con lo stesso spessore e proprietà di quella precedente. Il processo di estrazione del sughero può essere eseguito nuovamente dopo 3-10 anni dalla prima estrazione.

L’estrazione del sughero è ancora eseguita manualmente e consiste nel tagliare le fessure nella corteccia esterna, che viene quindi estratta con cautela dalla corteccia interna e staccata con l’aiuto di varie leve e cunei, prestando molta attenzione a non ferire gli strati rigenerativi più profondi della corteccia interna.

La corteccia rimossa viene bollita o cotta a vapore per rimuovere da essa gli acidi tannici solubili e aumentarne la flessibilità, poi la superficie ruvida e legnosa viene raschiata a mano, ed è quindi pronto per la distribuzione commerciale (l’abbiamo fatta facile).

Di recente, sono stati introdotti anche processi meccanizzati di estrazione del sughero, questo, oltre a velocizzare le operazioni di estrazione, garantisce ulteriore sicurezza per le querce da sughero, prevenendo lesioni dannose per la pianta.

Pertanto, il sughero è uno dei materiali più sicuri ed ecologici da utilizzare, soprattutto se si è attenti all’ambiente.

Come viene utilizzato il sughero?

  • Il sughero viene utilizzato nelle scarpe, in particolare quelle che utilizzano il guardolo (rinforzo tra tomaia e suola) per migliorare il controllo termico ed il comfort generale.
  • Poiché impermeabile e resistente all’umidità, il sughero viene spesso usato come alternativa alla pelle per produrre borse, portafogli, cinturini di orologi, gioielli e altri accessori di moda.
  • Il sughero è utilizzato in strumenti musicali, in particolare strumenti a fiato, dove viene utilizzato per fissare insieme segmenti dello strumento, rendendo le cuciture ermetiche.
  • Il sughero può essere usato per fabbricare mattoni per pareti esterne delle case, come nel padiglione portoghese all’Expo 2000.
  • Il sughero viene spesso utilizzato, in varie forme, in scudi termici [24] di veicoli spaziali e carenature.
  • Il sughero può essere utilizzato nei meccanismi di prelievo della carta di stampanti a getto d’inchiostro o laser.
  • Il sughero può essere usato al posto del legno o dell’alluminio negli interni della auto.
  • Molte biciclette da corsa hanno il manubrio avvolto da un nastro a base di sughero fabbricato in diversi colori.
  • Il sughero è molto utilizzato nel settore edile: è un materiale isolante sia termico che acustico (fonoassorbente) ed ha proprietà antimuffa. Viene spesso usato anche per realizzare pavimenti e cappotti interni.
  • Spesso troviamo il sughero all’interno di barche, soprattutto per realizzare i pavimenti.
  • Viene utilizzato il sughero anche per oggetti di abbellimento per acquari.
  • Caschi per le moto, il sughero sembra essere un passo avanti al polistirolo quando si parla di sicurezza per i motociclisti, infatti molte aziende produttrici di caschi lo utilizzano al posto del concorrente sintetico.
  • Chiaramente, tutti sappiamo che il sughero viene utilizzato per i tappi delle bottiglie.

Sughero Fibra Tessile

L’unicità del sughero deriva dalla sua struttura di celle piene d’aria, ognuna delle quali è costituita da un compartimento stagno e flessibile. In massa, queste cellule costituiscono un mezzo isolante straordinariamente efficace e anche impermeabile ai liquidi.

Un cuore fatto con il sughero

Pur non essendo un vero e proprio tessuto, lo classifichiamo comunque come una fibra tessile naturale in quanto viene spesso utilizzato per produrre le nostre amate borse vegan e scarpe vegan.

Il sughero è una fibra naturale di origine vegetale più unico che raro, un alveare di cellule microscopiche circondato da un gas (identico all’aria che respiriamo) e coperto principalmente da suberina e lignina.

Grazie alle sacche d’aria che lo compongono il sughero è tra i materiali naturali più leggeri.

La suberina è una cera naturale altamente idrofobica, mentre la lignina (che è un polimero presente in varie piante terrestri) è responsabile di rigidità, impermeabilità e resistenza.

Fino ad oggi, la tecnologia non è stata in grado di raggiungere questa elegante combinazione di proprietà, o di imitarla in un laboratorio attraverso lo sviluppo di tessuti sintetici e tessuti artificiali.

Come può la corteccia diventare una borsa o una scarpa?

Il sughero ha alcune caratteristiche uniche che rendono possibile la sua trasformazione, e anche relativamente semplice, consentendo una marea di usi creativi. Ad esempio, il sughero è un materiale straordinariamente elastico, che consente taglio e pressatura, trasformandolo in un foglio di tessuto, il quale viene trasformato in accessori di moda cruelty free.

È molto flessibile, poiché recupera facilmente la forma originale dopo essere stato compresso, una proprietà conosciuta come “ritorno elastico”. È proprio grazie a questa proprietà che i tappi di sughero si adattano bene ai colli di bottiglia, anche quando stranamente modellati.

L’elasticità è ottima, ma l’impermeabilità è una delle caratteristiche più conosciute del sughero. Potresti tirarlo fuori in una tempesta e rimarrà illeso, l’acqua rimbalzerà sopra di esso. La percentuale elevata di sostanze grasse -come la suberina- fanno la differenza!

Anche se il sughero non è definibile “legno”, resta comunque un “tessuto morto”, il che lo rende una sostanza inerte. Cosa significa? nessun gusto e, soprattutto, nessun odore viene rilasciato dal sughero. Un grande valore igienico, e un’altra caratteristica molto apprezzata dalle industrie trasformative e creative.

Il sughero è un materiale durevole, o meglio, ha grandi capacità di conservare le sue condizioni originali. Ecco perché è un candidato perfetto per produrre accessori vegani longevi e di alta qualità.

Caratteristiche del Sughero


Qualità del Tessuto:

Le qualità del tessuto possono variare in base alla miscelazione con altre fibre. Esempio: con Elastan o Lycra si guadagna in elasticità.

  Traspirante
  Termoregolatore
  Anti-microbico
  Impermeabile
  Igroscopico
  Elastico
  Luminoso
  Morbido
  Non restringe/scolora
  Asciugatura rapida

Caratteristiche Ecologiche:

Le caratteristiche ecologiche del tessuto possono variare in base alle certificazioni tessili o alla miscelazione con altri tessuti.

  Naturale - Artificiale - Sintetico   N
  Biologico
  No OGM
  Biodegradabile
  Materia prima naturale
  Materia prima riciclata
  Estrazione meccanica
  Estrazione chimica
  DeTox
  Risparmio energetico
  Classe di sostenibilità   A

Certificazioni Tessili:

Le certificazioni che possono essere assegnate al tessuto, ma che variano in base a diversi fattori: azienda di produzione, brand di moda, miscelazione.

Global Organic Textile Standard
Organic Content Standard
Oeko-Tex
Bluesign
Global Recycle Standard
Plastica Seconda Vita
Reach
Animal Free
Peta
VeganOK
Fair Wear Foundation
FairTrade

Questa scheda la trovi solo su www.vestilanatura.it

Sughero, una Fibra Ecologica

Abbiamo stabilito che il sughero è un materiale naturale e che in realtà è la corteccia di un albero. Abbiamo visto quali qualità e tratti unici del sughero ne rendono possibile la trasformazione. Ma ciò che potreste non sapere, è che questa meravigliosa materia prima è riutilizzabile, riciclabile, biodegradabile al 100%.

Tanti tappi in sughero per bottiglie

Prendiamo come esempio i classici tappi in sughero, è possibile riciclarli dopo aver stappato le nostre amate bottiglie. Come? tritandoli. Il granulato risultante da questo processo può e sarà utilizzato per produrre altri prodotti, come suole per scarpe, pannelli di rivestimento o altri materiali isolanti.

Ma possiamo anche utilizzarlo in casa come concime per le piante: una volta tritato vi basterà gettarlo in un vaso di terra. Le possibilità del sughero sono infinite e il processo di riciclaggio non si ferma mai. Buone notizie per il pianeta, possiamo ridurre l’inquinamento ambientale acquistando prodotti di moda realizzati in sughero 🙂

Manutenzione dei tessuti ecologici

Come si lava il Sughero?

Aggiungere qualche goccia di detergente delicato in mezzo litro di acqua calda. Il detergente deve essere atossico per evitare che sostanze chimiche danneggino il sughero. E’ possibile utilizzare anche aceto bianco mischiato al detergente.

Inumidire uno straccio con la soluzione detergente e quindi usarlo per rimuovere la maggior quantità possibile di sporco dal sughero. Utilizzare un movimento di sfregamento delicato e circolare, ripetendo l’operazione in base al tipo di macchie da rimuovere.

Potreste anche usare una spazzola con setole delicate, umida ma non bagnata. Anche uno spazzolino da denti per pulire le aree che non possono essere raggiunte con la spazzola più grande.

Non è necessario risciacquare il sughero poiché l’aceto alleggerirà le macchie, ma è possibile strofinare le scarpe un’ultima volta con acqua limpida e calda per rimuovere tutta la soluzione detergente.

Domande Frequenti – F.A.Q. –

Vuoi ulteriori informazioni sulla Sughero? Poni le tue domande usando il form sottostante, noi ti risponderemo più veloci di un lampo!

Fai la Tua Domanda!

Le Nostre Risposte:


Il sughero galleggia perché pesa meno della quantità d’acqua che dovrebbe essere spinta fuori se affondasse. Legno, sughero e ghiaccio sono tutti meno densi dell’acqua e galleggiano; altri materiali più densi, come una roccia, affondano.

Il sughero è un materiale organico, quindi va riciclato nell’umido attraverso la raccolta differenziata. Il nostro consiglio è comunque quello di utilizzarlo come concime per le piante, vi basterà sbriciolarlo e metterlo in mezzo al terriccio.

Vesti la natura logo nero

Vesti la natura è un blog di moda, una vetrina per il movimento della moda sostenibile e cruelty free. Con oltre 100.000 visite nel 2018 e un obbiettivo di 200.000 nel 2019, si conferma come la più ricca fonte di notizie su brand di moda, abbigliamento biologico e vegan, borse, scarpe, e accessori di moda a basso impatto ambientale.

PROGETTI ATTIVI

Ecofashion

Un vero motore di ricerca per prodotti ecologici, trova eventi, brand, artigiani e negozi di moda in tutte le città italiane

Green Web Marketing

Un team di professionisti specializzati nei settori bio e vegan, aiuta aziende Green ad incrementare la loro visibilità sul web

Community

Un gruppo Facebook unisce professionisti del settore tessile a consumatori attenti alle tematiche ambientali

Iscriviti e ricevi Gratis la Guida

Moda Sostenibile e Cruelty Free

Basta aspettare, dobbiamo agire!

L’industria tessile è la seconda più inquinante al mondo. Iscriviti Gratis, ricevi la nostra Guida e scopri di più su:

Moda Sostenibile e Vegan

Tessuti e certificazioni tessili

Contenuti dal blog

Anteprime su brand di moda

Prodotti Ecologici nella Tua Città!

Grazie al nuovo progetto ECOFASHION sarai il primo a sapere quando Prodotti Ecologici saranno disponibili nei negozi della Tua Città.

Ehi.. non andare via così!

Iscriviti e ricevi Gratis la nostra Guida

Basta aspettare, dobbiamo agire!

L’industria tessile è la seconda più inquinante al mondo. Iscriviti Gratis e scopri di più su:

Moda Sostenibile e Vegan

Tessuti e certificazioni tessili

Contenuti dal blog

Anteprime su brand di moda

Prodotti Ecologici nella Tua Città!

Grazie al nuovo progetto ECOFASHION sarai il primo a sapere quando Prodotti Ecologici saranno disponibili nei negozi della Tua Città.

Subito via email, Gratis!

Guida alla Moda Sostenibile e Cruelty Free

Scarica il PDF