icona tessuti

Caucciù

Tutto quello che devi sapere

Come funziona questa guida?
L’associazione no-profit Vesti la natura mette a disposizione diverse guide gratuite appositamente create per promuovere, tra consumatori e imprenditori, l’uso di materiali a basso impatto ambientale

Vuoi acquistare il tessuto in Caucciù?
Copertina fibre tessili ecologiche

Indice dei contenuti

Cos’è il Caucciù?

Il caucciù è una gomma naturale estratta dal lattice di alcune piante comunemente chiamate Alberi della Gomma. Possiamo considerare il caucciù come la più antica gomma al mondo: lavorata da secoli con il tradizionale metodo della Vulcanizzazione, un processo meccanico amico dell’ambiente.

Purtroppo sostituita nel corso degli anni dalle gomme sintetiche a base di petrolio, oggi solo pochissime aziende usano ancora il caucciù per produrre saprattutto suole per scarpe, ma anche altri prodotti.

Alti costi e lunghi tempi di produzione hanno fatto si che questa gomma naturale venisse accantontana a favore delle gomme sintetiche: più economiche e veloci da mettere in commercio.

Il caucciù viene erroneamente confuso come un materiale sintetico, ma come abbiamo detto non è così: il caucciù è l’unica gomma 100% naturale, motivo per cui l’abbiamo inserita nelle fibre tessili naturali, pur non essendo una vera e propria fibra tessile.

Quando la moda è sostenibile?

Come riconoscerla?

Dove acquistarla?

Inizia il tuo percorso!

di

Logo Vesti la natura verde

L’albero della Gomma

Albero della gomma Caucciù

L’albero della gomma appartiene alla famiglia Hevea brasiliensis da cui si estrae un lattice bianco che dopo alcuni processi chimico/meccanici diventa una gomma naturale, il caucciù.

L’albero della gomma può superare i 40 metri di altezza, ma nelle coltivazioni intensive queste piante sono molto più piccole, perché l’estrazione del lattice ne limita la crescita. Le sue origini sono in Brasile, ma è stato esportato anche in Asia per fini commerciali.

La coltivazione dell’albero della gomma può considerarsi sostenibile: non necessita di sostanze chimiche, acqua, e altre attenzioni da parte dell’uomo. La pianta cresce spontaneamente in modo del tutto autonomo e naturale.

L’unica cosa da tenere sotto controllo è la deforestazione. In molti casi le coltivazioni intensive creano seri danni alle foreste naturali, le quali vengono “abbattute” per fare spazio a qualcosa di più redditizio per l’uomo. Un problema ambientale già visto per le palme da cui si estrae l’olio di palma, e per gli alberi di eucalipto e faggio da cui si estraggono rispettivamente le fibre tessili Lyocell e Modal.

Estrazione del Caucciù

L’estrazione del caucciù avviene in modo meccanico e non è necessario abbattere l’albero, in quanto vengono praticate solo delle incisioni sulla corteccia. Queste incisioni sono fatte in modo da far defluire il lattice in appositi contenitori di raccolta posti alla base dell’albero. Con il lattice estratto inizia il processo di lavorazione del caucciù.

Lavorazione dei fogli di Caucciù
Esposizione al sole dei fogli di Caucciù bagnati
Raccolta dei fogli di Caucciù essiccati

Vulcanizzazione del Caucciù (video)

Il lattice estratto e successivamente essiccato non è utilizzabile, è rigido e non ha proprietà elastiche, ma grazie ad un processo chiamato Vulcanizzazione viene letteralmente fuso e modellato. La lavorazione del caucciù è complessa e ancora molto artigianale.

Il caucciù vulcanizzato guadagna proprietà elastiche e una grande resistenza.

La vulcanizzazione è un processo chimico, seppure avvenga in modo meccanico: i fogli di lattice vengono scaldati e legati allo zolfo utilizzando additivi chimici. Un processo analogo viene effettuato per creare i pneumatici delle autovetture.

La vulcanizzazione è considerata come un modello di produzione ecologico solo in alcuni casi, mentre in altri è da considerarsi un processo dannoso per l’ambiente.

Questo dipende dai metodi di lavoro dell’azienda produttrice. Gli antichi metodi di lavorazione del caucciù sono sicuramente quelli a minor impatto ambientale, ma quelli più moderni, come spesso accade, sono più dannosi per l’ambiente.

Caratteristiche del Caucciù


Qualità del Tessuto:

Le qualità del tessuto possono variare in base alla miscelazione con altre fibre. Esempio: con Elastan o Lycra si guadagna in elasticità.

  Traspirante
  Termoregolatore
  Anti-microbico
  Impermeabile
  Igroscopico
  Elastico
  Luminoso
  Morbido
  Non restringe/scolora
  Asciugatura rapida

Caratteristiche Ecologiche:

Le caratteristiche ecologiche del tessuto possono variare in base alle certificazioni tessili o alla miscelazione con altri tessuti.

  Naturale – Artificiale – Sintetico  
N
  Biologico
  No OGM
  Biodegradabile
  Materia prima naturale
  Materia prima riciclata
  Estrazione meccanica
  Estrazione chimica
  DeTox
  Risparmio energetico
  Classe di sostenibilità  
A

Certificazioni Tessili:
:

Le certificazioni che possono essere assegnate al tessuto, ma che variano in base a diversi fattori: azienda di produzione, brand di moda, miscelazione.

Global Organic Textile Standard
Organic Content Standard
Oeko-Tex
Bluesign
Global Recycle Standard
Plastica Seconda Vita
Reach
Animal Free
Peta
VeganOK
Fair Wear Foundation
FairTrade

Questa scheda la trovi solo su www.vestilanatura.it

A cosa serve il Caucciù?

I prodotti in caucciù sono abbastanza diffusi, ma il crollo delle vendite di questo materiale ha influito negativamente sulle piccole comunità locali composte per lo più da famiglie di agricoltori.

Grazie alla sua notorietà di gomma resistente, nel settore tessile il caucciù viene utilizzato soprattutto per realizzare suole di scarpe. Seppure siano poche le aziende che ne fanno uso, tra queste sicuramente spiccano quelle che hanno un occhio di riguardo per l’ambiente: preferire una gomma naturale come il caucciù è senza dubbio una scelta più sostenibile rispetto all’utilizzo di materiali sintetici.

L’utilizzo del caucciù copre vari settori, ad esempio si possono creare pneumatici per auto, tubazioni, materiali isolanti e tutto quello che può essere realizzato con una gomma molto elastica e resistente. Gli impieghi del caucciù sono quindi molto vari, è addirittura utilizzato nel settore dell’orificeria per creare gioielli come bracciali e collane.

Scarpe in Caucciù

Le scarpe con suola in caucciù non si distinguono facilmente da quelle con suola in materiali sintetici. Diversi marchi di moda Italiani utilizzano il caucciù, ma forse non viene pubblicizzato molto come materiale ecologico, eppure dovrebbe, visto il ridotto impatto ambientale di questa gomma naturale.

Acquista prodotti in Caucciù

Una vetrina dove puoi trovare Marchi di Moda sostenibile, etica e cruelty free garantiti dalla supervisione della nostra associazione:

Illustrazione di un vestito verde

Caucciù e allergia

Le scarpe hanno solo la suola in caucciù e la soletta interna evita il contatto diretto con la pelle, al momento comunque non ci risultano problemi di allergie, o reazioni a contatto con questo materiale.

Caucciù riciclato

Essendo il caucciù un materiale riciclabile viene utilizzato in modi differenti soprattutto nelle strade: asfalto, dossi artificiali, paletti segnaletici.

Manutenzione dei tessuti ecologici

Come si lava il Caucciù?

L’impatto ambientale di detersivi per il bucato e detergenti per la casa è devastante per il nostro pianeta, quindi consigliamo vivamente l’utilizzo detersivi ecologici.

Essendo una gomma naturale molto resistente, il caucciù può essere lavato a mano o in lavatrice, ed è anche possibile metterlo in asciugatrice. Non ci sono particolari controindicazioni di lavaggio per il caucciù, il quale può anche essere spazzolato con forza per rimuovere le macchie più ostili.

Vuoi lavare i tuoi indumenti riducendo al minimo l’inquinamento idrico?

  1. Abbiamo selezionato uno dei marchi di detersivi e detergenti più sostenibili clicca qui per acquistare un detersivo ecologico
  2. Potresti utilizzare una Washing Ball per lavare senza utilizzare detersivi clicca qui per acquistare una washing ball
  3. Potresti usare il nuovissimo Ecoegg, un simpatico uovo ecologico con cui potrai fare circa 720 lavaggi clicca qui per acquistare l’uovo ecoegg

Domande frequenti

Vuoi ulteriori informazioni sul Caucciù? Poni le tue domande usando il form sottostante.

Fai la Tua Domanda!

Le nostre risposte:

Dove posso acquistare il caucciù?

Vesti la natura ha creato una tabella con più di 40 materiali sostenibili, le loro rispettive applicazioni in ambito tessile, ed i loro di fornitori (anche per piccole quantità). Per accedere alla tabella ti chiediamo di donare un piccolo contributo economico alla nostra associazione. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Il caucciù è presente in tutte le scarpe?

Purtroppo no, in quanto la vulcanizzazione è un processo lento e più costoso rispetto alle ultime tecniche scoperte dall’uomo. Seppure sia più ecologico, questa non è una priorità per la maggior parte delle aziende di moda.

Caucciù è un tessuto?

Il caucciù non è un tessuto, ma una gomma naturale. Lo abbiamo inserito tra le fibre tessili in quanto è l’unica gomme naturale in commercio.

Caucciù è biodegradabile?

Il caucciù è biodegradabile in quanto la sua materia prima è di origine naturale, seppur vengono utilizzati alcuni additivi chimici durante il processo di vulcanizzazione.

Ti è piaciuto il contenuto? Condividi!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
icona moda sostenibile

Leggi le nostre guide gratuite

Appositamente create per rendere più consapevoli consumatori e imprenditori

Tessuti e materiali ecologici
icona tessuti
Fibre ecologiche

Se si usano fibre e tessuti a basso impatto ambientale è molto più semplice parlare di moda sostenibile

Materiali alternativi alla pelle di origine animale
icona cruelty free
Alternative alla pelle

Parliamo di materiali cruelty free proposti come alternative ecologiche alla pelle di origine animale

Analisi di laboratorio per certificazione tessile
icona certificazioni
Certificazioni tessili

Le etichette più diffuse nella moda: biologico, cruelty free, etico, riciclo di risorse e molto altro

Scarica la Guida alla Moda Sostenibile, Etica e Cruelty Free

Unisciti a oltre 15 mila utenti che l’hanno già letta dal 2016 ad oggi!

  • è in formato digitale
  • c’è un video da vedere
  • e tante infografiche di confronto