icona tessuti

Ramiè

Tutto quello che devi sapere

Come funziona questa guida?
L’associazione no-profit Vesti la natura mette a disposizione diverse guide gratuite appositamente create per promuovere, tra consumatori e imprenditori, l’uso di materiali a basso impatto ambientale

Vuoi acquistare il tessuto in Ramiè?
Copertina fibre tessili ecologiche

Indice dei contenuti

Cos’è il Ramiè?

Ramiè (o ramia) è una fibra naturale di origine vegetale derivata dalle piante orticacee Boehmeria nivea e Boehmeria utilis.

E’ una fibra tessile decisamente sostenibile a livello produttivo, ma la sua complessa lavorazione rende l’uso del ramiè molto raro nella moda, dove il suo utilizzo è spesso confinato in piccole realtà artigianali/sartoriali di nicchia.

Il tessuto in ramiè viene quasi sempre miscelato con altre fibre naturali, soprattutto con il cotone e la lana, poiché poco resistente ed elastico.

Quando la moda è sostenibile?

Come riconoscerla?

Dove acquistarla?

Inizia il tuo percorso!

di

Logo Vesti la natura verde

La pianta di ramiè

La piante orticacee da cui viene estratto il ramiè si chiamano Boehmeria nivea e Boehmeria utilis, ed entrambe sono piante orticacee che non possiedono peli orticanti e vengono per questo definite “falsa ortica”. Vengono utilizzate anche come piante ornamentali per la casa,

La loro resa in termini di fibre è relativamente alta visto che si possono raccogliere fino a 6 volte l’anno e che la pianta vive fino a 20 anni.

Queste piante crescono raggiungendo altezze intorno al metro e mezzo ed i principali produttori sono Cina, Taiwan, Corea, Filippine, India, Corea, Thailandia e Brasile. Il loro terreno ideale sono i boschi.

Sono piante molto antiche, infatti alcuni abiti di mummie egiziane risalenti al 5000 a.c. sono stati realizzati in tessuto ramiè.

Uno degli aspetti più positivi di questa coltura è che nulla viene sprecato delle piante orticacee, con le quali è possibile fare altre cose oltre alla fibra di ramiè utilizzata nell’abbigliamento: soprattutto carta, medicina popolare, e alimentazione (sono edibili se cotte), reti da pesca, tele, tessuti per tappezzeria, etc.

La coltivazione di queste piante orticacee è decisamente sostenibile: sono piante autonome e non richiedono particolari interventi da parte dell’uomo, soprattutto in termini di sostanze chimiche e risorse come l’acqua.

Ramiè fibra tessile

La fibra di ramiè è una fibra naturale biodegradabile al 100% che ha una consistenza molto fine, paragonabile alla seta.

La fibra di ramiè è nota per la sua capacità di mantenere la forma, ridurre le rughe e apportare lucentezza al tessuto. Per capacità di assorbimento, densità e aspetto al microscopio, è simile al lino e come il lino (a differenza del cotone) la tintura del ramiè non è affatto semplice (il suo colore naturale è il bianco).

Il ramiè è tra le fibre naturali meno resistenti, quindi viene spesso miscelata con altre fibre naturali come cotone o lana. La fibra di ramiè è rigida e fragile, si rompe se piegata ripetutamente nello stesso punto, manca di resilienza, ha bassa elasticità e potenziale di allungamento.

Questo rende il ramiè difficile da lavorare: la filatura della fibra di ramiè è resa difficile dalla sua fragilità e dalla bassa elasticità. 

L’estrazione e la pulizia delle fibre di ramiè sono costose, principalmente a causa dei numerosi passaggi che coinvolgono la raschiatura, il martellamento, il riscaldamento, il lavaggio e l’esposizione a sostanze chimiche.

Tessuto ramiè

La tessitura del ramiè è resa difficile dalla superficie pelosa del filato, causata dalla mancanza di coesione tra le fibre.

Dopo l’estrazione della fibra tessile e la trasformazione in filato viene realizzato il tessuto ramiè. E’ raro trovare tessuti in 100% ramiè, poiché questa fibra se lasciata sola non ha grandi proprietà: i tessuti di ramié che troverete in commercio saranno per lo più miscelati con altre fibre naturali come cotone e lana.

E’ prassi comune creare il tessuto di ramiè miscelato con cotone per realizzare tessuti intrecciati e lavorati a maglia che ricordano il lino.

Caratteristiche del Ramiè


Qualità del Tessuto:

Le qualità del tessuto possono variare in base alla miscelazione con altre fibre. Esempio: con Elastan o Lycra si guadagna in elasticità.

  Traspirante
  Termoregolatore
  Anti-microbico
  Impermeabile
  Igroscopico
  Elastico
  Luminoso
  Morbido
  Non restringe/scolora
  Asciugatura rapida

Caratteristiche Ecologiche:

Le caratteristiche ecologiche del tessuto possono variare in base alle certificazioni tessili o alla miscelazione con altri tessuti.

  Naturale – Artificiale – Sintetico  
N
  Biologico
  No OGM
  Biodegradabile
  Materia prima naturale
  Materia prima riciclata
  Estrazione meccanica
  Estrazione chimica
  DeTox
  Risparmio energetico
  Classe di sostenibilità  
C

Certificazioni Tessili:
:

Le certificazioni che possono essere assegnate al tessuto, ma che variano in base a diversi fattori: azienda di produzione, brand di moda, miscelazione.

Global Organic Textile Standard
Organic Content Standard
Oeko-Tex
Bluesign
Global Recycle Standard
Plastica Seconda Vita
Reach
Animal Free
Peta
VeganOK
Fair Wear Foundation
FairTrade

Questa scheda la trovi solo su www.vestilanatura.it

Abbigliamento in Ramiè

Seppur raro, l’abbigliamento in ramiè è rivolto alle donne che cercano qualcosa di nuovo nei loro capi di abbigliamento. Acquistare abbigliamento in ramiè non è da tutti, non tanto per il costo (che comunque è superiore rispetto ad altre fibre naturali), ma soprattutto per la difficoltà nel reperirlo.

Alcune realtà sartoriali della slow fashion ne fanno uso, ma sempre miscelato con altri tessuti ecologici: bamboo, cotone biologico, lino e simili. E’ quindi complesso giudicare il tessuto ramiè quando miscelato con altre fibre tessili, ma ci piace per il fatto di essere così raro.

Acquista prodotti in Ramiè

Una vetrina dove puoi trovare Marchi di Moda sostenibile, etica e cruelty free garantiti dalla supervisione della nostra associazione:

Illustrazione di un vestito verde

Ramiè e allergie

Per chi soffre di allergie o particolari patologie della pelle consigliamo spesso di indossare tessuti naturali non tinti, possibilmente che dispongano di certificazioni come Oeko-Tex oppure come GOTS Global Organic Textile Standard.

In questo caso ne sconsigliamo l’utilizzo, semplicemente perché riteniamo che la maggior parte del ramiè in commercio sia estratto in modo chimico e non meccanico. Questo vuol dire che all’interno della fibra possono essere presenti sostanze tossiche (principale causa di reazioni allergiche a contatto con la pelle).

Ramiè e sudore

Il ramiè è una fibra ricavata dalla cellulosa e come tale le sue caratteristiche di traspirabilità variano di molto in base al tipo di lavorazione del tessuto, nonché in base alla sua miscelazione con altre fibre. Non resta che provarla per sapere se adatta ai problemi di sudorazione, ma riteniamo che non sia tra quei tessuti che fanno la differenza.

Ramiè vs lino

Le due fibre sono molto simili, sia nella composizione organica sia nell’aspetto esteriore. A livello di sostenibilità probabilmente il ramiè è un pelo sopra.

Ramiè vs cotone

Cotone e ramiè offrono caratteristiche differenti tra loro, ma quasi sempre li troverete in un tessuto miscelato cotone/ramiè. Il ramiè è decisamente più sostenibile del cotone da ogni punto di vista.

Ramiè vs canapa

A livello estetico il ramiè è più luminoso, morbido e piacevole al tatto. Il comfort del ramiè è superiore a quello della canapa, soprattutto a contatto con la pelle. Ma a livello di sostenibilità la canapa è uno dei materiali più ecologici al mondo.

Manutenzione dei tessuti ecologici

Come si lava il Ramiè?

L’impatto ambientale di detersivi per il bucato e detergenti per la casa è devastante per il nostro pianeta, quindi consigliamo vivamente l’utilizzo detersivi ecologici.

I tessuti realizzati con questo materiale sono leggeri, altamente traspiranti, si asciugano in poco tempo e, soprattutto, difficilmente producono pieghe, prestandosi molto bene alla produzione di capi “no-stiro”, che fanno risparmiare tempo e fatica.

Per quanto riguarda i lavaggi, gli indumenti in ramiè possono essere lavati tranquillamente sia a mano che in lavatrice. La regola aurea di osservare l’etichetta vale anche per la ramiè, poiché si rivela il modo più efficace per controllare se i capi necessitano di lavaggi a parte o trattamenti particolari.

Lavaggio a mano

Nel caso in cui ci si appresti ad eseguire un lavaggio a mano, è necessario riempire una bacinella con acqua tiepida e poco detersivo liquido ecologico, meglio se per delicati. Dopo aver lasciato gli indumenti in ammollo per un quarto d’ora circa, procedere al risciacquo sotto acqua fredda corrente, strizzare leggermente e stendere all’aria aperta o sullo stendino, in base alle proprie necessità.

Lavaggio in lavatrice

Per il lavaggio in lavatrice è opportuno scegliere un programma per capi delicati, meglio se non superiore ai 30 gradi, aggiungere poco detersivo delicato in forma liquida, un cucchiaino di bicarbonato e avviare il ciclo, evitando di far centrifugare fino alla fine: l’ideale sarebbe far strizzare leggermente gli indumenti, per evitarne la deformazione durante l’asciugatura.

Vuoi lavare i tuoi indumenti riducendo al minimo l’inquinamento idrico?

  1. Abbiamo selezionato uno dei marchi di detersivi e detergenti più sostenibili clicca qui per acquistare un detersivo ecologico
  2. Potresti utilizzare una Washing Ball per lavare senza utilizzare detersivi clicca qui per acquistare una washing ball
  3. Potresti usare il nuovissimo Ecoegg, un simpatico uovo ecologico con cui potrai fare circa 720 lavaggi clicca qui per acquistare l’uovo ecoegg

Domande frequenti

Vuoi ulteriori informazioni sul Ramiè? Poni le tue domande usando il form sottostante.

Fai la Tua Domanda!

Le nostre risposte:

Dove posso acquistare il tessuto in ramié?

Vesti la natura ha creato una tabella con più di 40 materiali sostenibili, le loro rispettive applicazioni in ambito tessile, ed i loro di fornitori (anche per piccole quantità). Per accedere alla tabella ti chiediamo di donare un piccolo contributo economico alla nostra associazione. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Esiste il tessuto di ramiè biologico?

La fibra di ramiè non ha bisogno della certificazione di origine biologica in quanto estratta da piante orticacee che non necessitano di alcun intervento umano per la crescita (no pesticidi, diserbanti, ecc)

La sua lavorazione necessita comunque di processi chimici, quindi per essere certi di acquistare del ramiè ecologico la scelta ideale ricade sulla certificazione Oeko-Tex.

Ti è piaciuto il contenuto? Condividi!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
icona moda sostenibile

Leggi le nostre guide gratuite

Appositamente create per rendere più consapevoli consumatori e imprenditori

Tessuti e materiali ecologici
icona tessuti
Fibre ecologiche

Se si usano fibre e tessuti a basso impatto ambientale è molto più semplice parlare di moda sostenibile

Materiali alternativi alla pelle di origine animale
icona cruelty free
Alternative alla pelle

Parliamo di materiali cruelty free proposti come alternative ecologiche alla pelle di origine animale

Analisi di laboratorio per certificazione tessile
icona certificazioni
Certificazioni tessili

Le etichette più diffuse nella moda: biologico, cruelty free, etico, riciclo di risorse e molto altro

Scarica la Guida alla Moda Sostenibile, Etica e Cruelty Free

Unisciti a oltre 15 mila utenti che l’hanno già letta dal 2016 ad oggi!

  • è in formato digitale
  • c’è un video da vedere
  • e tante infografiche di confronto