icona tessuti

Lana di Yak

Tutto quello che devi sapere

Come funziona questa guida?
L’associazione no-profit Vesti la natura mette a disposizione diverse guide gratuite appositamente create per promuovere, tra consumatori e imprenditori, l’uso di materiali a basso impatto ambientale

Vuoi acquistare il tessuto in Lana di Yak?
Copertina fibre tessili ecologiche

Indice dei contenuti

Sacra e sostenibile: la lana di Yak

Il “Tetto del mondo”, quale altro nome si potrebbe dare all’altopiano più alto del mondo incastonato e protetto dalla catena di montagne dell’Himalaya (la maggior parte delle quali sono considerate sacre: e già questo la dice lunga sulla tradizione e sul misticismo che aleggia in questo lembo di terra meraviglioso).

L’Himalaya, un guerriero di ghiaccio che ti osserva dall’alto, ti scruta, ti insegna. Dove è possibile incontrare il “bue tibetano”, lo yak, e la meravigliosa lana che si ottiene da questo amichevole bestione.

Già, perché se si va in Tibet e ci si avventura nelle vallate facendo trekking, l’incontro con gli yak è quasi obbligatorio.

Il simpatico bue tibetano è ormai diventato praticamente un’animale domestico (gli esemplari che vivono allo stato selvatico sono davvero pochi ormai) ed è una fondamentale fonte di sostentamento per gli abitanti dei villaggi di tutto l’altopiano tibetano.

Ecco un video molto bello per farvi comprendere il rapporto tra gli umani e lo yak:

I nomadi tibetani vivono in perfetta armonia con gli yak e gli sherpa non possono fare a meno della forza che questi animali mettono a disposizione in un paesaggio impervio e difficile.

Ma quello che per i tibetani è fondamentale è il fatto che il bue tibetano è un animale sacro e quindi intoccabile fino alla sua morte per cause naturali.

Quando la moda è sostenibile?

Come riconoscerla?

Dove acquistarla?

Inizia il tuo percorso!

di

Logo Vesti la natura verde

La lana di Yak

Avete mai provato a dormire sotto una coperta realizzata in lana di yak? Credetemi, è un’esperienza fantastica. Più morbida di moltissime altre lane ed estremamente soffice (i filamenti di questa fibra hanno dimensioni comprese tra i 16 e i 20 micron).

Grazie proprio alla finezza dei filamenti, la lana di yak risulta essere morbida come il cashmere.

Ma la parte decisamente interessante è che, grazie al rispetto che le tribù “drokpa” (nomadi) tibetani nutrono verso il loro amato bue: la lana di yak viene ottenuta da una spazzolatura soffice effettuata spesso dalle donne dei villaggi con spazzole artigianali in legno a denti abbastanza distanziati.

Il periodo ottimale è la tarda primavera / inizio estate, cioè quando l’animale perde naturalmente il pelo. La lana migliore e più soffice è quella della pancia.

L’animale non subisce nessun trattamento violento o fastidioso, anzi, molto spesso lo yak sembra quasi divertirsi durante la pettinatura e sembra instaurare un rapporto molto intimo con la persona che lo sta “accarezzando” con il pettine: sono scene da vedere dal vivo perché incantano.

Uomo tibetano pettina uno yak per prenderne la lana

Una buona parte del pelo cade spontaneamente, ma quello che si usa per realizzare la lana di yak si ottiene dalla pettinatura.

Ad ogni buon conto, le pecore australiane farebbero carte false per evitare la terribile pratica del mulesing ed essere trattate dolcemente come avviene per lo yak, ma d’altro canto, diventare un animale sacro non è un processo tanto semplice.

Un’altra bellissima esperienza è quella di visitare gli “atelier” tessili che i villaggi creano per la realizzazione dei loro manufatti in lana di yak: delle sartorie ai piedi dell’Everest dove signore sempre sorridenti lavorano con telai artigianali in legno, con una manualità invidiabile.

La lana di yak è una fibra naturale, e ha delle tonalità che spaziano dal marrone molto scuro a un marrone più chiaro (stiamo dunque attenti quando ci troviamo di fronte a lane di yak con colori troppo distanti da queste tonalità).

Esistono esemplari di yak bianchi ma sono abbastanza rari. Secondo le credenze del luogo vedere un esemplare bianco in un branco non è di buon auspicio, mentre, vederne due nello stesso branco è un ottimo segnale.

Gli sherpa credono molto in questa “combinazione cromatica” e a volte sono capaci di fermarsi per giorni dopo aver visto un solo esemplare bianco, ritardando le ascese dei temerari scalatori occidentali: qui si potrebbe aprire un altro argomento particolarmente scottante legato ai rifiuti che queste spedizioni lasciano sul loro cammino.

Ma già si stanno vedendo delle iniziative interessanti a tal proposito: citiamo la realizzazione di opere d’arte realizzate proprio con i rifiuti che le spedizioni lasciano in questo splendido paesaggio.

La lana di yak è dunque un chiaro e forte esempio di sostenibilità tessile. Fino a quando si riuscirà a non farlo diventare un materiale “luxury” per qualche brand scellerato, questa meraviglia della natura continuerà ad essere un vero e proprio patrimonio di popoli ricchi di tradizione e di cultura.

Il nostro amico yak vive coccolato, rispettato e venerato.

Un viaggio in Tibet è sempre qualcosa che nella vita bisognerebbe sognare (poi alla fine non conta farlo per davvero, ma già sognarlo è un bel passo avanti).

Caratteristiche della Lana di Yak

Qualità del Tessuto: Le qualità del tessuto possono variare in base alla miscelazione con altre fibre. Esempio: con Elastan o Lycra si guadagna in elasticità.
  Traspirante
  Termoregolatore
  Anti-microbico
  Impermeabile
  Igroscopico
  Elastico
  Luminoso
  Morbido
  Non restringe/scolora
  Asciugatura rapida
Caratteristiche Ecologiche: Le caratteristiche ecologiche del tessuto possono variare in base alle certificazioni tessili o alla miscelazione con altri tessuti.
  Naturale – Artificiale – Sintetico   N
  Biologico
  No OGM
  Biodegradabile
  Materia prima naturale
  Materia prima riciclata
  Estrazione meccanica
  Estrazione chimica
  DeTox
  Risparmio energetico
  Classe di sostenibilità   B
Certificazioni Tessili:: Le certificazioni che possono essere assegnate al tessuto, ma che variano in base a diversi fattori: azienda di produzione, brand di moda, miscelazione.
Global Organic Textile Standard
Organic Content Standard
Oeko-Tex
Bluesign
Global Recycle Standard
Plastica Seconda Vita
Reach
Animal Free
Peta
VeganOK
Fair Wear Foundation
FairTrade

Questa scheda la trovi solo su www.vestilanatura.it

Abbigliamento in lana di Yak

Al momento sono pochi i marchi che realizzano abbigliamento in lana di yak.

Pur sponsorizzando da sempre la moda cruelty free, la lana di yak, come la lana biologica, fanno eccezione. Riteniamo infatti questi materiali sostenibili sia dal punto di vista ambientale che etico.

Quindi ci auguriamo di veder presto alcuni brand (ma non troppi) che utilizzino la lana di yak per realizzare giacche e cappotti.

Acquista prodotti in Lana di Yak

Una vetrina dove puoi trovare Marchi di Moda sostenibile, etica e cruelty free garantiti dalla supervisione della nostra associazione:

Illustrazione di un vestito verde
Lavaggio dei tessuti

Come si lava la Lana di Yak?

L’impatto ambientale di detersivi per il bucato e detergenti per la casa è devastante per il nostro pianeta, quindi consigliamo vivamente l’utilizzo detersivi ecologici.

Per lavare la lana di uak in modo efficace senza rovinarla è opportuno seguire una serie di consigli, specifici per tale tipologia di filato, delicatissimo e con la tendenza a infeltrirsi facilmente, se trattato con alte temperature e con i prodotti errati.

Lavare la lana di yak a mano è l’operazione più adeguata a questa fibra; infatti, benché le lavatrici moderne dispongano di programmi appositi per lana e delicati, nella pratica è quasi impossibile mantenerle le fibre intatte con i movimenti tipici del cestello della lavabiancheria. Per questo motivo, il lavaggio a mano è la procedura consigliata, se le dimensioni dei manufatti in lana lo consentono.

Lavaggio a mano

Per prima cosa, bisogna riempire una bacinella di acqua leggermente tiepida e aggiungervi, a scelta, una miscela di bicarbonato di sodio e aceto, oppure un detersivo ecologico contenente lanolina, componente naturale della lana.

A questo punto, immergere l’indumento nella bacinella e, se necessario, aggiungere un po’ d’acqua fredda. Dopo aver lasciato il capo in ammollo per un quarto d’ora circa, massaggiarlo delicatamente con le mani; successivamente, risciacquare con acqua fredda corrente, fino a quando non emerge più la schiuma del detersivo, che dovrà essere in ogni caso versato con molta parsimonia.

Un accorgimento importantissimo è quello di non strizzare mai i capi in lana biologica e farli asciugare su una superficie piana ponendoli sopra uno o più asciugamani, che serviranno ad assorbire l’acqua in eccesso.

Lavaggio in lavatrice

Nel caso in cui si rivelasse necessario eseguire un lavaggio in lavatrice, anche se il programma indica una centrifuga breve e a giri limitati, è consigliabile far terminare il ciclo prima del suo inizio oppure, se si tratta di una coperta in lana di yak, procedere a una centrifuga breve e controllata.

Anche in tale ipotesi, è fondamentale stendere i capi in piano, ponendoli in orizzontale su un asciugamano, sullo stendino e in un locale aerato. In occasione della bella stagione, qualora si volessero stendere i capi in lana di yak all’esterno, evitare assolutamente l’esposizione alla luce diretta del sole.

Vuoi lavare i tuoi indumenti riducendo al minimo l’inquinamento idrico?

  1. Abbiamo selezionato uno dei marchi di detersivi e detergenti più sostenibili clicca qui per acquistare un detersivo ecologico
  2. Potresti utilizzare una Washing Ball per lavare senza utilizzare detersivi clicca qui per acquistare una washing ball
  3. Potresti usare il nuovissimo Ecoegg, un simpatico uovo ecologico con cui potrai fare circa 720 lavaggi clicca qui per acquistare l’uovo ecoegg

Domande frequenti

Vuoi ulteriori informazioni sulla Lana di Yak? Poni le tue domande usando il form sottostante.

Fai la Tua Domanda!

 

Le nostre risposte:

Dove posso acquistare la lana yak?

Vesti la natura ha creato una tabella con più di 40 materiali sostenibili, le loro rispettive applicazioni in ambito tessile, ed i loro di fornitori (anche per piccole quantità). Per accedere alla tabella ti chiediamo di donare un piccolo contributo economico alla nostra associazione. Clicca qui per ulteriori informazioni.

La lana di yak è cruelty free?

La lana di yak non è cruelty free (vegan) in quanto resta una fibra di origine animale, ma quantomeno non è causa di violenze su animali. La tosatura è un’operazione fondamentale per la salute degli animali da lana, ma dipende da come viene effettuata: solitamente con violenza e in modo intensivo su animali da lana che vivono la loro vita chiusi in spazi strettissimi. Questo è quello che accade negli allevamenti intensivi. Oppure, grazie alla diffusione degli allevamenti biologici, la tosatura può essere fatta in modo non violento su animali da lana che vivono la loro vita in libertà nei pascoli. C’è grande differenza tra questi due metodi di allevamento, quindi anche se non potremmo mai definire la lana di yak come vegan, possiamo comunque definirla cruelty free in quanto non c’è alcuna violenza per prelevarla.

Ti è piaciuto il contenuto? Condividi!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
icona moda sostenibile

Leggi le nostre guide gratuite

Appositamente create per rendere più consapevoli consumatori e imprenditori

Tessuti e materiali ecologici
icona tessuti
Fibre ecologiche

Se si usano fibre e tessuti a basso impatto ambientale è molto più semplice parlare di moda sostenibile

Materiali alternativi alla pelle di origine animale
icona cruelty free
Alternative alla pelle

Parliamo di materiali cruelty free proposti come alternative ecologiche alla pelle di origine animale

Analisi di laboratorio per certificazione tessile
icona certificazioni
Certificazioni tessili

Le etichette più diffuse nella moda: biologico, cruelty free, etico, riciclo di risorse e molto altro

Scarica la Guida alla Moda Sostenibile, Etica e Cruelty Free

Unisciti a oltre 15 mila utenti che l’hanno già letta dal 2016 ad oggi!

  • è in formato digitale
  • c’è un video da vedere
  • e tante infografiche di confronto