Quando l’Abbigliamento è Vegan?

Oggi vi raccontiamo qualcosa in più su un tema davvero scottante. Le ultime news del settore moda parlano sempre più di materiali alternativi a quelli di origine animale, ma non si limitano a parlarne, sempre più sfilate o Fashion Week organizzate in tutto il mondo mettono al “bando” le pelliccie animali, o addirittura la pelle.

Capite l’importanza di questo Trend? Di certo non si tratta di essere vegani o meno. Avete mai sentito parlare di abbigliamento Vegan, Cruelty Free, Animal Free? Cambia il nome, ma il significato alla base è il medesimo.

  • STOP alle fibre tessili di origine animale.
  • STOP allo sfruttamento di animali.
  • Produzione a basso impatto ambientale.

L’abbigliamento donna uomo e bambino, ma anche prodotti come borse, scarpe, sciarpe, cinture e altri accessori di moda possono essere definiti Vegan (Cruelty Free) quando dispongono di almeno una di queste certificazioni tessili:

  • People for the Ethical Treatment of Animals (PETA)
  • VeganOK
  • Lega Anti Vivisezione (LAV)
  • Animal Free Fashion

Vantaggi abbigliamento Vegan (cruelty free)

Tutte queste certificazioni tessili non sono assegnate al singolo prodotto, bensì all’intera azienda di moda che lo produce. Tenete bene a mente questa informazione, poiché è davvero importante e leggendo fino in fondo questo articolo scoprirete il perché.

Sappiate che una azienda di moda con Certificazione Vegan può produrre anche abbigliamento in lana o pelle, ma chiaramente i prodotti realizzati con questi materiali non possono avere l’etichetta Vegan.

Ti piace la Moda Sostenibile? 🙂

Federica e Cristian titolari di Vesti la natura

Vuoi un Mondo più Green? Parliamo di Moda Sostenibile e Cruelty Free. Ricevi Gratuitamente Aggiornamenti Mensili. Scopri i Negozi della Tua Città che Vendono Prodotti Ecologici

People for the Ethical Treatment of Animals

Logo Peta - Abbigliamento Vegan

PETA è una associazione animalista che si batte per i diritti animali su scala internazionale. I loro sforzi si concentrano in settori specifici:

  • Allevamenti intensivi
  • Industria del divertimento
  • Allevamenti da pelliccia
  • Sperimentazione / vivisezione
Dettagli di PETA

VeganOK

Logo VeganOK

VeganOK è una certificazione che garantisce una produzione etica per i prodotti Vegani. E’ molto diffusa in Italia soprattutto nei prodotti alimentari, ma il marchio si sta rapidamente diffondendo anche nel settore tessile.

Da oltre 20 anni il marchio VeganOK si batte per i diritti animali, creando e divulgando informazioni grazie ad una fitta rete di siti tematici, riviste di settore, internet TV e molto altro.

Dettagli di VeganOK

Lega Anti Vivisezione

Logo Lega Anti Vivisezione (LAV)

LAV è una associazione animalista Italiana che nasce con l’obbiettivo di fermare i test sugli animali effettuati dalle aziende di prodotti per la casa e la cosmesi.

LAV ha ideato il progetto denominato Animal Free Fashion con lo scopo di sensibilizzare i marchi di moda al rispetto dei diritti animali e alla sostenibilità ambientale.

Dettagli di LAV

Animal Free Fashion

Logo Animal Free Fashion

Animal Free Fashion è un progetto ideato da LAV, lo scopo è quello di certificare i marchi di moda che ne fanno richiesta. Questi marchi si impegnano a rispettare una serie di requisiti imposti dalla stessa certificazione Animal Free Fahion.

La certificazione Animal Free Fashion utilizza un semplice sistema di rating per valutare i brand di moda, i quali si impegnano a non utilizzare uno o più materiali di origine animale nei propri prodotti.

Qualsiasi azienda di abbigliamento, borse, scarpe o accessori di moda, può richiedere una certificazione Animal Free Fashion rinunciando esclusivamente alle pellicie animali e ottenendo un rating V. Successivamente può organizzare la propria produzione e rinunciare ad altri materiali di origine animale, ottenendo così un rating superiore e la nostra riconoscenza.

Rating Animal Free Fashion

Il rating (valutazione) ha una scala di valori corrispondenti a V / VV / VVV / VVV+. Le aziende di moda con rating VVV+ hanno rinunciato a tutti i materiali di origine animale (pelliccie, piume, pelle, seta e lana), mentre un rating V viene assegnato alle aziende che rinunciano all’utilizzo delle pelliccie animali.

Rating Animal Free Fashion by LAV

  • V assegnato alle aziende di moda che rinunciano all’utilizzo delle pelliccie.
  • VV assegnato alle aziende di moda che rinunciano alle pelliccie ed alle piume.
  • VVV assegnato alle aziende di moda che rinunciano alle pelliccie, le piume, la seta e la pelle.
  • VVV+ assegnato alle aziende di moda che rinunciano alle pelliccie, le piume, la seta, la pelle e la lana.

Tra i materiali comunemente utilizzati nel settore tessile quelli che causano più sofferenza e morte nel mondo animale sono sicuramente pelliccie, piume, pelle, seta e lana.

Guardando il Rating Ci siamo chiesti: perché la pelle animale è considerata alla pari con la seta e non con le pelliccie? Ecco a voi la risposta: la pelle utilizzata nel settore tessile è prelevata da animali destinati al macello per l’industria zootecnica (per lo più alimentare). Ne consegue che la maggior parte della pelle in commercio sarebbe destinata agli inceneritori.

Diverso il discorso per la seta, poiché in questo caso i bachi da seta vengono allevati e uccisi esclusivamente per estrarre la fibra tessile, come accade per le pelliccie.

E’ possibile trovare in commercio anche la seta buretta erroneamente definita seta vegan, questo tipo di seta non implica la morte del baco da seta e questo rende la pratica di estrazione della fibra meno violenta. O almeno dovrebbe essere così.. ci sono diversi dibattiti su questo argomento e non abbiamo abbastanza informazioni per definirla meno violenta.

Nel dubbio puntiamo sulla seta vegetale, una fibra tessile artificiale di origine naturale realizzata utilizzando filamenti di scarto della produzione di cotone (troppo corti per realizzare la fibra di cotone).

Come per la Seta anche per le pelliccie esistono allevamenti intensivi. I più contestati sono sicuramente gli allevamenti di visoni e volpi.

Vogliamo poi parlare di come vengono prese le piume dalle oche? Meglio evitare e concentrarsi sugli aspetti positivi: Animal Free Fashion è finalmente una realtà che ci permette di scegliere quale indumenti indossare.

Animal Free Fashion per l’Ambiente

La certificazione Animal Free Fashion non punta solo alla sostituzione dei materiali di origine animale come pelliccie, piume, pelle, seta e lana, ma crede anche nella sostenibilità ambientale.

Le aziende devono rinunciare ad alcune sostanze chimico/tossiche dannose per l’uomo e per l’ambiente, sostanze comunemente utilizzate nel settore tessile durante tutta la filiera tessile. L’inquinamento è una delle principali cause di morte nel mondo animale e l’utilizzo di sostanze tossiche compromette la vita di molte specie viventi – esseri umani inclusi.

Tra le sostanze tossiche bandite da Animal Free Fashion (in quanto molto dannose per l’ambiente) troviamo:

  • PCP
  • Nonilfenolo Etossilato
  • Formaldeide

Queste sono solo le sostanze più conosciute, la lista completa di quelle non utilizzabili è molto lunga: parliamo di circa 1000 agenti chimici. L’impegno da parte di Animal Free Fashion nei riguardi dell’ambiente ci deve far capire quanto sia importante scegliere prodotti Vegan.

Dettagli di Animal Free

Il Cambiamento ha un Costo

Molti brand di moda non possono permettersi di rinunciare all’improvviso ai materiali di origine animale, di conseguenza il Rating Animal Free Fashion sembra essere una scelta davvero azzeccata da parte di LAV: incentiva la ricerca dei tessuti alternativi e concede tempo alle aziende per convertire la loro produzione – senza stravolgere nell’immediato la loro attività.

Siamo in piena crisi economica, e difficilmente possono pensare di fare un passo così importante in tempi troppo brevi. Perché non subito? la maggior parte dei cittadini italiani non guarda le etichette. Infatti effettuando delle ricerche online, capiamo subito che la moda cruelty free è molto indietro rispetto ad altri paesi come Germania e Inghilterra, dove la richiesta di prodotti vegan è davvero molto più elevata.

Con questo non vogliamo giustificare chi continua a causare sofferenza nel mondo animale, ma vogliamo incentivare i consumatori a fare scelte più consapevoli, il resto sarà una piacevole conseguenza dettata dalla crescente richiesta di abbigliamento vegan.

Acquista Online Abbigliamento Vegan

Sempre più spesso sentiremo parlare di Abbigliamento e Moda Vegan. E’ un Trend in forte ascesa come sono stati e lo sono tutt’ora il settore alimentare e quello cosmetico. Si, perché acquistare prodotti cruelty free non è una scelta personale, bensì un contributo alla salvaguardia di molte specie animali, dell’ambiente stesso e delle future generazioni.

Cambiamo il mondo con semplici e piccoli gesti quotidiani, poiché il futuro della terra dipende anche da noi 🙂

Acquista Abbigliamento Vegan